Lauda e Hunt, Senna e Prost. Tanto per citare due coppie “a caso”. La Formula 1, anzi il mondo stesso, vive da sempre di dualismi alla Coppi e Bartali che a ben pensarci risalgono a Ettore e Achille. Un tempo i "fuoripista", con relativi fuorigiri, dei piloti erano piuttosto noti: la sregolatezza era accettata quanto apprezzato il genio al volante.

Col passare degli anni, una Formula 1 sempre più “family feeling” ha progressivamente censurato e sconsigliato l’emergere di personalità debordanti. E da parte loro, i piloti, spesso alla ricerca di una comprensibile privacy, non amano mettere in piazza la propria vita privata. Un esempio eccellente, i ferraristi Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel: niente social, a parte qualche profilo “fan” ufficiale, e ospitate ridotte al minimo sindacale (ossia contrattuale). 

Poi ci sono due eccezioni altrettanto eccellenti, ossia la strana coppia Mercedes formata dal campione in carica Lewis Hamilton e dallo sfidante Nico Rosberg. Entrambi, anche se in maniera differente, da anni si sono costruiti una maschera digitale tanto funzionale quanto efficace. Lo dicono i numeri: Lewis Hamilton ha 3,8 milioni di like sulla pagina Facebook, 3,5 milioni di follower su Twitter e 3,1 su Instagram. Rosberg segue con 2,1 su Facebook, 1,5 su Twitter e “solo” 680 mila su Instagram.

Un esercito, anzi due eserciti di fans. Merito delle vittorie ai gran premi? Sicuramente ma non solo. Hamilton è il nuovo “King of cool”, stella tra le stelle che va in vacanza con Rihanna, a cena con Pharrel Williams, allo stadio con Neymar e tra una stagione e l'altra si chiude in studio di registrazione. E chissà cos’altro: lo “strappo nel sipario” è creato ad arte per attizzare la curiosità dei fan che a furia di like e condivisioni fanno girare vorticosamente un nome divenuto brand, capace di tramutare in oro anche ciò che lo circonda.

E qui la palla passa a Nico Rosberg, modello da passerella e marito altrettanto modello che proietta di sé un’immagine imprenditoriale: niente party hollywoodiani fuori dai circuiti per il figlio di Keke, ma scatti con la splendida famiglia da copertina e backstage sui set delle campagne pubblicitarie di cui è protagonista. Sempre impeccabile, sempre elegante: sia che si tratti di un giro col Principe Alberto al volante di una Gullwing sia di una gita in Vespa con la moglie dal profumo di Vacanze Romane. O di ricordare al mondo l’apertura di un nuovo atelier.  Una volta c’erano le sigarette sul podio e il whisky nel paddock, ora eau de toilette e case di moda. E’ il panem et circensem del Circus 3.0