Il quarto posto nel Costruttori è oramai in tasca, con il risultato di Interlagos. Un sostegno economico extra rispetto alla quinta piazza ottenuta un anno fa. Oggi come allora, Force India ha avanzato una richiesta di anticipo dei premi spettanti per i risultati maturati, per assicurarsi un adeguato flusso di liquidità nei mesi più complessi, tra dicembre e febbraio, con la nuova stagione da preparare e i fornitori da pagare. Non sarà l'unico team a beneficiare dell'anticipo delle spettanze da parte della FOM. 

Situazione finanziaria a parte, il 2017 vedrà un'interessante accoppiata dividere il box: Perez-Ocon. Annunciato nel week end del Gran Premio del Brasile l'ingaggio del pilota francese, dimostrazione per Toto Wolff come «il talento ha la meglio sui soldi», Esteban trova parole di stima da Sergio Perez. 

«Sarò aperto e disponibile a imparare, spetta a lui fare lo stesso. Se vorrà imparare, sarò assolutamente aperto, come ho sempre fatto con tutti i miei compagni. Ovviamente voglio batterlo, ma lavorando a fondo per la squadra». Il bagaglio d'esperienza che può vantare Perez ne fa la guida naturale del team, tenendo un occhio sul potenziale di Ocon, dimostratosi subito veloce nelle uscite in Manor quest'anno. 

Rivoluzione Porsche, addio motore a sbalzo

«Ho sentito cose notevoli sul conto di Ocon, il team era rimasto colpito ed entusiasta, hanno apprezzato sul serio la sua personalità e il modo in cui ha interagito con loro, i riscontri dati ed è considerato un ragazzo col quale è molto facile lavorare», ha proseguito Perez, che sceglie un profilo insolitamente "cauto" e aggiunge: «Non vedo l'ora di imparare da Esteban, è sempre un bene apprendere da più piloti. Sono stato molto fortunato nell'essere affiancato da piloti di talento, avere adesso Esteban è una grande opportunità per imparare da un giovane».

WEC, atto finale in Bahrain