Doveva ambire, nella migliore delle ipotesi, a un sedile in Sauber, prima che venisse giocata un'altra mano a sorpresa, nella partita del mercato piloti. Pascal Wehrlein, invece, è il principale indiziato a occupare il sedile lasciato libero da Nico Rosberg. Lo dice la logica, lo suggeriscono le parole tra le righe di Toto Wolff, che ha anticipato come in Mercedes non vogliano iniziare battaglie legali con altri team per strappare piloti già sotto contratto, lo ha confermato Aldo Costa, premiato ai Caschi d'oro di Autosprint«Riteniamo che i nostri giovani piloti abbiano un grandissimo potenziale, specialmente Pascal: ha sviluppato le gomme Pirelli per l'anno prossimo, potrebbe essere una delle migliori scelte».

Sul tema, Paddy Lowe traccia l'identikit del perfetto sostituto per rimpiazzare Rosberg, senza esporsi troppo sul nome del giovane pilota tedesco, nel 2016 in Manor: «Guarderemo i candidati attualmente disponibili. Voglio qualcuno che riesca a ottenere i punti nel modo in cui ci è riuscito Nico, un conto è essere veloci, un altro èriuscire ogni settimana a marcare punti

Pascal Wehrlein non è una scelta scontata, dovremo capire chi è disponibile e fare alcune analisi. Ci sono diversi aspetti, consideremo cosa potremo attenderci in termini di prestazione e consistenza».

Valutazioni da bilanciare con una convinzione, quella di un salto di qualità dettato dalle condizioni tecniche nelle quali opererebbe un nome come Wehrlein, quindi un giovane pilota senza esperienza in un top team, anche se non va dimenticato quanto a lungo abbia lavorato allo sviluppo delle gomme larghe Pirelli quest'anno, coprendo circa 3.000 km con la W06 Hybrid modificata quest'anno. «Non sono troppo preoccupato dell'inesperienza di un giovane pilota, perché da quel che ho visto, i migliori tendono a fare un salto di qualità e ottenere prestazioni migliori quando gli si offre un contesto nel quale poterlo fare», ha aggiunto Paddy Lowe.

Sterzi a parte: Mercedes, scegli e pensa a noi!