1 marzo, data di nuovi impegni per gli ex Ferrari. Del mercato tecnici si tratta. Dopo l'annuncio di James Allison in Mercedes è la volta di Dirk De Beer in Williams. Capo aerodinamico a Maranello fino alla scorsa estate, al sudafricano è subentrato Enrico Cardile nella nuova struttura coordinata da Mattia Binotto. De Beer sarà capo del reparto aerodinamico a Grove. Prima di approdare in Ferrari nel 2013, ha lavorato in Sauber e Lotus, accanto ad Allison.

«Sono contentissimo di unirmi alla Williams, un team che ha una storia incredibile e sono fiero di farne parte adesso. Non vedo l'ora di iniziare a lavorare con Dave Wheater e il team di aerodinamici per aiutare a proseguire lo sviluppo della macchina durante la stagione e oltre. Vorrei ringraziare Williams per avermi dato quest'opportunità», il commento del tecnico.

Williams che tratteggia i nuovi ruoli nell'area tecnica, dopo l'uscita di Pat Symonds e in attesa di Paddy Lowe. «Siamo felici che qualcuno con l'esperienza di Dirk si unisca a noi (Formula 1 a parte, ha lavorato anche in Indy; ndr). Avendo trascorso diversi anni nel ruolo di capo dell'aerodinamica in Formula 1, le sue capacità tecniche e la sua conoscenza saranno indubbiamente un gran valore per il team nella continua spinta a riportare la Williams nelle posizioni di testa», le parole di Claire Williams.

Il team inglese ha mostrato una cronica carenza sul piano aerodinamico nelle ultime stagioni. Monoposto in grado di offrire una bassa resistenza aerodinamica che si sono avvantaggiate della power unit Mercedes sui circuiti più veloci, salvo soffrire la mancanza di sviluppi aerodinamici che migliorassero le prestazioni sui tracciati da alto carico e sul bagnato.