Torneranno a essere protagoniste a Singapore, le gomme ultrasoft. Scelta scontata viste le caratteristiche del tracciato cittadino, prossima tappa del mondiale. Enfasi posta sulla ricerca del grip meccanico e un asfalto ricco di sconnessioni: come nel 2016 sono le mescole più morbide della gamma Pirelli a scendere in pista. Le scelte operate dai team di fatto sono allineate sulla totale preferenza della ultrasoft, scorta di Pirelli dalla banda viola per tutti, nove o dieci treni disponibili, con l'eccezione delle due Haas a optare per qualche treno di gomme supersoft aggiuntivo.

Le differenze tra piloti della stessa scuderia sono irrilevanti, poiché  destinate a riequilibrarsi dopo il lavoro nelle libere del venerdì e le diverse simulazioni di long run. Mercedes avrà un set in meno di ultrasoft rispetto a Ferrari e Red Bull, in un gran premio frequentemente caratterizzato dall'ingresso della safety car e che lo scorso anno si decise su due diverse opzioni strategiche: Rosberg vinse fermandosi due volte, Ricciardo chiuse secondo e in gran rimonta su una tattica a tre pit.

Sterzi a parte: Ricciardo ridendo fa piangere i rivali

Hamilton, Mercedes saprà ballare il lento a Singapore

 

 

 

Soft

Supersoft

Ultrasoft

Hamilton

MERCEDES

2

2

9

Bottas

MERCEDES

1

3

9

Verstappen

RED BULL

1

2

10

Ricciardo

RED BULL

1

2

10

Vettel

FERRARI

2

1

10

Raikkonen

FERRARI

1

2

10

Perez

FORCE INDIA

1

2

10

Ocon

FORCE INDIA

1

2

10

Massa

WILLIAMS

1

2

10

Stroll

WILLIAMS

1

2

10

Alonso

MCLAREN

1

2

10

Vandoorne

MCLAREN

1

2

10

Sainz

TORO ROSSO

1

3

9

Kvyat

TORO ROSSO

1

3

9

Grosjean

HAAS

1

4

8

Magnussen

HAAS

1

4

8

Hulkenberg

RENAULT

1

2

10

Palmer

RENAULT

1

2

10

Wehrlein

SAUBER

2

2

9

Ericsson

SAUBER

1

2

10