Dopo i problemi evidenziati da Sebastian Vettel nella seconda parte delle prove libere pomeridiane - aveva parlato di un comportamento dell'avantreno piuttosto "jelly", gelatinoso - e dopo una prima analisi veloce, tanto da rimandarlo in pista, in Ferrari hanno scelto di non rischiare e di risolvere il problema alla radice. È stato dunque deciso di sostituire direttamente la scocca della SF70H numero 5.

Vedremo se le tempistiche dell'operazione influiranno sull'ultima ora di prove libere del sabato mattina, anche perché la monoposto dovrà nuovamente passare le verifiche tecniche: ai commissari è già arrivata la richiesta in tal senso e, come da articolo 25.5 del regolamento sportivo, la domanda è stata accolta per cui l'esame avverrà subito prima delle libere 3.

La sostituzione non comporterà penalità, ma questo non significa che la direzione gara non sia già stata impegnata in tal senso, con altri concorrenti. Emblematico che ancora prima di sedersi su una monoposto F1 da debuttante, il "povero" Brendon Hartley si sia visto sanzionare di ben 25 posti sullo schieramento: questo perché sulla sua Toro Rosso sono stati sostituiti già da prima delle prove elementi quali motore, MGU-H, batterie e centralina.

Similmente, sulla macchina di Nico Hulkenberg sono stati cambiati motore, MGU-H e turbo, causandogli 20 penalità. Sanzioni anche per Max Verstappen: Renault ha portato diversi aggiornamenti significativi per la sua power unit e sulla Red Bull dell'olandese sono stati montati il motore e l'unità MGU-H numero 6, intervento che gli costa 15 posizioni in griglia. Penalizzato anche Stoffel Vandoorne, di 5 posizioni per via del montaggio dell'ottava unità motrice termica sulla sua McLaren-Honda.

Mentre la Williams è stata richiamata e multata di 10.000 euro per una curiosa violazione con Felipe Massa: sulla sua FW40 il set di pneumatici "bonus" utilizzabile nei primi 40 minuti delle prove libere è stato impiegato per… 3 secondi di troppo! Va comunque rimarcato che i commissari sono stati comprensivi e proprio in virtù di questo irrisorio lasso di tempo hanno deciso di sospendere la sanzione con la condizionale, per 12 mesi.

AGGIORNAMENTO

Dopo le qualifiche, altre penalità sono state assegnate dalla direzione gara di Austin. In particolare sia Kevin Magnussen che Lance Stroll sono stati penalizzati di 3 posti in griglia e 1 punto licenza per aver ostacolato in Q1 rispettivamente erez e Grosjean. Va detto però che in entrambi i casi vi è stata una forte responsabilità dei box, che non hanno segnalato correttamente ai piloti l'arrivo degli avversari. Prima della gara è stata inoltre sostituita l'unità motrice, la nona (più turbo e MGU-H/K), sulla macchina di Stoffel Vandoorne, che quindi aggiunge altre 25 penalità alle 5 già assegnate.

I TEMPI DELLE PROVE AD AUSTIN