Più che consigli da connazionale, una logica necessità. Si prospetta un 2018 decisivo per Daniel Ricciardo, chiamato a discutere un rinnovo di contratto con Red Bull o costruire un'alternativa, con il sedile di Bottas in Mercedes in cima alla lista dei desideri. O forse no, perché la priorità assoluta sarà un'altra: dimostrarsi vincente nel mondiale che scalda i motori. Red Bull ha scommesso su Max Verstappen, confermare l'attuale coppia di piloti è un'opzione che non dispiacerebbe a Helmut Marko, tuttavia pronto con una scelta altrettanto efficace: Carlos Sainz.

Concentrarsi anzitutto sul confronto interno, è il suggerimento che arriva a Ricciardo da Mark Webber: «La cosa migliore che può fare è battere Max, lo sa e farà del suo meglio per riuscirci. Vorrà provarci, batterlo per 5 o 6 mesi, poi guardare le opzioni.

Non credo nemmeno che Mercedes prenderà una decisione in fretta, terranno d'occhio Valtteri e vedranno come andrà, probabilmente fino al Canada».Una Mercedes alla quale punterà, come approdo naturale, anche Esteban Ocon, possibile alternativa a Bottas.

«Il collegamento è ovvio, sono entrambi in scadenza di contratto», prosegue Webber, sui destini incrociati Ricciardo-Bottas. «Daniel è un pilota di primo piano e c'è la possibilità di fare un cambio. Ma se dovesse battere Max e la Red Bull tornare a volare, perché mai dovrebbe lasciarla?

Alla fine non credo che a Dan interessi troppo quale sia il colore della macchina, vuole solo vincere, è quel che punta a fare ed è difficile riuscire a vincere con costanza. E' in grado di farcela, ma dovrà trovarsi in una condizione nella quale ha l'opportunità».

Anche con una Red Bull all'altezza di Mercedes e Ferrari, l'incognita sulla fornitura di power unit nel 2019 e 2020 è fattore determinante nella possibilità di creare un mini-ciclo vincente e potrebbero trasformarsi in stagioni di transizione verso la nuova fase 2021. 

L'editoriale: No alle donne, sì al bambino

Helmut Marko non ha fatto mistero, nell'annunciare il prolungamento di contratto di Max Verstappen, di voler riscrivere il primato del più giovane campione del mondo di Formula 1 con l'olandese. Un obiettivo che passerebbe in secondo piano se dovesse essere Ricciardo il più competitivo quest'anno e in grado di battagliare per il titolo: «Red Bull sosterrà il pilota che è davanti in campionato, se dovesse essere Daniel è pur sempre un prodotto Red Bull e non penso dispiacerebbe a Helmut vedere Daniel campione del mondo, anche se ama Max. Entrambi sono i suoi piloti preferiti. Dove si inserisce Carlos Sainz in tutto ciò? Ama anche lui, ma è una domanda per Helmut», commenta Webber.

Formula 1, il calendario delle presentazioni