Dopo qualifiche in cui tutti possono avere qualcosa da recriminare per non aver ottenuto un giro perfetto, Lewis Hamilton è comunque abbastanza soddisfatto per essere riuscito a tornare in prima fila, dalla quale manca da Melbourne (dove però era in pole): «Nessuno sportivo è contento di essere secondo, ma è bello essere di nuovo in prima fila dopo una sessione entusiasmante. Non siamo stati abbastanza veloci per battere la Ferrari, ma ci siamo andati vicino: la squadra ha fatto un ottimo lavoro per fare un passo avanti dopo un brutto venerdì. Nei long run siamo stati meno forti, quindi abbiamo ancora della strada da recuperare, ma abbiamo lavorato molto e siamo in lotta diretta. Dobbiamo fare il massimo domani, proveremo a dargli qualche preoccupazione e sarà sicuramente un'altra gara interessante».

Valtteri Bottas, 3° crono a 16 centesimi dal compagno di squadra, concorda su certe difficoltà, anche generali: «La macchina è migliorata da ieri, e anche se sento di non aver trovato mai un giro perfetto oggi, dubito che chiunque altro l'abbia fatto: la pista è stata estremamente difficile. Ma per la gara siamo in un'ottima situazione, come squadra: avere entrambe le macchine vicine ci offre alcune opportunità con le tattiche. Sarà da vedere come sarà il vento domani, però, potrebbe influenzare la gara».

Alla fine nemmeno Toto Wolff riesce ad essere deluso per la mancata pole position: «Rispetto a com'era ieri, sono abbastanza contento per il secondo e il terzo posto in griglia. I ragazzi hanno lavorato duramente, ma abbiamo trovato la strada giusta facendo un passo avanti stamattina e poi un altro per le qualifiche. La battaglia è aperta, mi aspetto di vedere tutti i primi sei a poter lottare per la vittoria domani - come penso sarà per tutto il 2018 - e daremo il massimo per uscirne al top».