Una delle prestazioni più di rilievo nelle movimentate e bagnate qualifiche ungheresi è in terza fila: parliamo soprattutto di Carlos Sainz riuscito a ottenere un ottimo risultato che non è stato nemmeno un "flash", dato che si è spessissimo ritrovato a detenere (magari anche solo momentaneamente) il 2° o 3° tempo nel corso di tutte e tre le fasi di prove valide per lo schieramento. «Che qualifica intensa! - ha commentato lo spagnolo poco dopo la conclusione. - Sono davvero contento delle prestazioni di oggi ed è fantastico quando le cose combinano al meglio! Avere davanti solo le Mercedes e le Ferrari è un ottimo segno di come siamo riusciti a gestire queste condizioni».

Il 5° tempo in Q3 è stato ottenuto puntando su un unico run di 7 giri con le stesse gomme "full wet". Ecco come Carlos spiega questa tattica: «Abbiamo fatto una piccola scommessa rimanendo con lo stesso set di gomme in Q3. In questo modo sono stato in grado di postare un tempo molto forte (prendendo bene le misure giro dopo giro, ndr) anche se le prestazioni delle gomme sono calate nel mio ultimo giro: in quello sotto la bandiera a scacchi ormai non avevo più grip. Sono stato davvero contento quando ho visto P3 sulla tabella, e anche il 5° posto alla fine della sessione è una bella sensazione».

Naturalmente resta ancora da fare la gara… «Certo, i punti sono assegnati solo domani. La strategia in tema di pneumatici e la partenza saranno particolarmente importanti, ma in tutto questo sono fiducioso di poter fare una gara forte». Dopotutto in una pista dove è difficile superare, avere una così buona posizione di partenza è importantissimo.

Al riguardo resta anche la curiosità di sapere cosa riuscirà a fare l'altra Renault, quella di Nico Hulkenberg, solo 13° perché rimasto attardato in Q2 da un piccolo problema con il rifornimento di carburante che gli ha fatto perdere il momento migliore per scendere in pista.