Forse Perez, occhio a Ocon, chissà non arrivi Raikkonen. Invece no, McLaren sceglie per il proprio 2019 Lando Norris, seconda guida accanto a Carlos Sainz. Terzo pilota, tanto simulatore, una stagione di Formula 2 che, dopo Monza, lo vede secondo a 22 punti da George Russell, sarà l’inglese a rilevare il sedile di Stoffel Vandoorne. E la decisione porta con sé non poche conseguenze a cascata. A cominciare da Vandoorne. Di alternative per restare in Formula 1 non sembrano essercene, con Williams più che mai orientata a una formazione 2019 tutta di impronta (e capitali) russi, i candidati più seri sembrano essere Sirotkin e Markelov. In Toro Rosso, in linea teorica, restano due sedili da assegnare, ma più che mai affollata la rosa di candidati.

La scelta di Norris, schierato nelle prove libere 1 in Belgio e a Monza, estromette dai giochi McLaren anche Esteban Ocon. In Force India resta un sedile da assegnare, accanto a Lance Stroll, il cui passaggio al team di papà Lawrence è dato per scontato in prospettiva 2019. Troverà ancora spazio per restare in Formula 1 il talentuoso pilota francese in orbita Mercedes?

«Sono grato alla McLaren per aver riposto la loro fiducia in me negli ultimi 5 anni; sebbene non abbiamo raggiunto i successi nei quali tutti speravamo, mi sono davvero goduto le ultime due stagioni e ho rapporti fantastici con tutti all’interno del team. Il tempo trascorso in McLaren è stato un importante capitolo della mia carriera e ringrazio dell’opportunità che mi è stata data. Darò tutto nelle restanti 7 gare e annuncerò i piani per la prossima stagione a tempo debito», ha commentato Vandoorne.

Un rendimento molto inferiore alle attese, quello del pilota belga. Certo non aiutato nei due anni corsi da titolare da un progetto McLaren altamente deficitario. Il confronto con Fernando Alonso ha dell’impietoso, l’unico metro di paragone possibile nelle condizioni disastrate nelle quali versa la McLaren sotto il profilo tecnico. E non è il più semplice dei confronti da reggere.

«Stoffel è un pilota di talento, siamo fieri di aver avuto un ruolo nel suo ingresso in Formula 1. E’ chiaro che non siamo stati in grado di dare a Stoffel gli strumenti necessari a dimostrare il suo vero talento, nel corso del nostro rapporto ha dimostrato di essere un fantastico uomo squadra», il saluto reso da Zak Brown. «Gli auguriamo il meglio, qualunque sarà la direzione che sceglierà di intraprendere nella sua carriera e lo sosterremo».

GP Monza, la complessa squalifica di Grosjean

Norris arriva al sedile da titolare dopo un titolo in Formula 3, conquistato lo scorso anno, e una campagna di Formula 2 meno esaltante di quanto non si potesse immaginare. Il diciottenne di Somerset farà coppia con Sainz, formando una delle abbinate più giovani dell’intera griglia, 43 anni in due nel 2019. «Crediamo che Lando sia un talento pieno di potenziale e per questo motivo lo abbiamo tenuto in McLaren. Sappiamo già che è veloce, impara in fretta e ha una mentalità matura sulle sue giovani spalle. Vediamo tanto potenziale nel nostro futuro insieme. L’investimento che abbiamo fatto nel costruire la sua carriera, con lo sviluppo al simulatore e il tempo speso in macchina (dai test rookie alle uscite nelle libere 1; ndr) sono stati tutti meritati, avendo continuato a dimostrare le proprie capacità sia al volante che nel lavoro con gli ingegneri.

Nel Mirino: Raikkonen già scaricato, impossibile chiedergli sacrifici

Lando è una parte integrante del nostro piano di ricostruzione delle operazioni in Formula 1 per il futuro. Con Lando e Carlos abbiamo una coppia di piloti notevole nonostante la relativa giovane età», ha aggiunto Zak Brown. Quanto a Norris è lecito attendersi ulteriori uscite con la MCL33 nelle prove libere 1: «Il mio obiettivo resta fermamente il campionato di Formula 2, punto a vincere il titolo prima di unirmi a completamente alla McLaren. Sarà difficile ma lotterò al massimo delle mie forze nelle ultime 4 gare. Lavorerò anche a stretto contatto con McLaren a ogni occasione, per imparare il più possibile dai piloti, gli ingegneri e i meccanici, così da avere la miglior preparazione in vista del prossimo anno».

Mercedes

Hamilton

Bottas

Ferrari

Vettel

- (Raikkonen; Leclerc)

Red Bull

Verstappen

Gasly

Haas

Magnussen

- (Leclerc;Grosjean)

Renault

Ricciardo

Hulkenberg

Force India

- (Stroll)

- (Perez; Ocon)

McLaren

Sainz

Norris

Toro Rosso

- (Hartley)

- (Kvyat; Giovinazzi )

Williams

- (Markelov)

- (Sirotkin)

Alfa Romeo Sauber

- (Ericsson)

- (Giovinazzi; Leclerc)