Da Abu Dhabi al Bahrain, dall’ultima in Formula 1 al salto nell'abitacolo di una Nascar. Fernando Alonso continua a coprire chilometri e collezionare esperienze nuove, l’ultima, da tempo in programma, lo scambio di macchine con Jimmy Johnson. Con un fuoriprogramma, ovvero, i giri al volante della McLaren del 2013 effettuati da Fernando, MP4-28 per l’occasione con la livrea 2018 del team.

Ad Abu Dhabi ha ricevuto gli onori e il tributo dell’intero paddock e dei colleghi, come recentemente mai era avvenuto per altri addii. L’epilogo da ricordare, in parata a fine gara con Vettel e Hamilton, una delle immagini più belle che resteranno del campionato 2018. Che carriera sia stata, quella di Fernando Alonso, è stato raccontato a lungo.

E nel vezzo diffuso di scrivere un’autobiografia da parte dei piloti ritiratisi, Fernando piuttosto lancia un’idea: Mi piacerebbe che a scrivere il libro sulla mia vita in Formula 1 fossero i capi delle squadre che ho avuto in tutta la mia carriera. Gente con la quale ho lavorato, che mi conosce meglio, ascoltare le loro opinioni e come mi hanno visto lavorare giorno dopo giorno in tutti questi anni”, racconta alla tv spagnola Movistar.

Formula 1: Vettel, famiglia e bricolage per tornare al top