La due giorni del Consiglio mondiale del motorsport FIA a San Pietroburgo si è aperta con la conferma e ratifica del calendario 2019, affiancata da misure di carattere sportivo e tecnico che andranno a incidere sulla prossima stagione e sul 2021. In attesa che le norme dei regolamenti vengano aggiornate e dettaglino i cambiamenti, il WMSC ha deciso di uniformare le operazioni di rifornimento durante i test agli standard previsti sui campi di gara.

Quanto all’applicazione delle penalità con conseguente arretramento della posizione in griglia di partenza, la FIA ha deliberato che venga specificato con chiarezza, a favore del pubblico, il modo in cui si forma lo schieramento.

L’applicazione delle penalità segue l’ordine previsto dall’articolo 35.2, cioè vengono applicate nell’ordine in cui sono commesse e, nel caso di più piloti in infrazione per sostituzione di componenti oltre il limite previsto, viene data precedenza nell'applicazione dell'arretramento sul risultato ottenuto in qualifica al pilota che per primo ha portato in pista i nuovi elementi, pertanto, il primo a uscire nella sessione Q1 di qualifica.

Altro intervento disposto dal Consiglio mondiale, di uniformità procedurale tra bandiere esposte e stato della corsa, relativo al regime di safety car, vedrà il mantenimento delle bandiere gialle esposte fino al rientro della safety car ai box, le bandiere verdi verranno date al leader una volta sul traguardo.

In materia di norme sportive si registra l’allentamento dei limiti imposti sulle simulazioni CFD effettuabili dai team. Per prepararsi al cambiamento tecnico in arrivo nel 2021 le squadre avranno libertà di impiego degli strumenti di simulazione nello sviluppo delle monoposto, pertanto non dovranno rispettare i limiti imposti sul numero di sessioni, le ore spendibili e la mole di dati (misurati in Teraflops) generati.

Sotto il profilo tecnico e in ottica 2019, il Consiglio ha deciso l’adeguamento al rialzo del peso minimo delle monoposto, che dai 740 kg deliberati a ottobre sale a 743 kg, senza carburante a bordo. Dal prossimo anno, ricordiamo, per il pilota è previsto un peso minimo di 80 kg, pertanto chi sarà al di sotto di tale peso porterà una zavorra a bordo.

Altro fronte regolamentare rivisto, peraltro anticipato ad Abu Dhabi da Charlie Whiting, sulla scorta dei riscontri avuti dalle squadre, quello dell’ala anteriore. L’articolo 3 verrà modificato specificando con maggior chiarezza alcuni punti, nello specifico sull’ala anteriore, ma passaggio che interessa anche le specifiche sulla carrozzeria da rispettare.

IL CALENDARIO 2019

17 marzo 2019

Australia

Melbourne

31 marzo 2019

Bahrain

Sakhir

14 aprile 2019

Cina

Shanghai

28 aprile 2019

Azerbaijan

Baku

12 maggio 2019

Spagna

Barcellona

26 maggio 2019

Monaco

Monaco

9 giugno 2019

Canada

Montreal

23 giugno 2019

Francia

Le Castellet

30 giugno 2019

Austria

Spielberg

14 luglio 2019

Gran Bretagna

Silverstone

28 luglio 2019

Germania

Hockenheim

4 agosto 2019

Ungheria

Budapest

1 settembre 2019

Belgio

Spa

8 settembre 2019

Italia

Monza

22 settembre 2019

Singapore

Singapore

29 settembre 2019

Russia

Sochi

13 ottobre 2019

Giappone

Suzuka

27 ottobre 2019

Messico

Città del Messico

3 novembre 2019

USA

Austin

17 novembre 2019

Brasile

San Paolo

1 dicembre 2019

Abu Dhabi

Yas Marina