Con tutti i problemi che ha avuto la McLaren, il deficit sulla power unit era di certo l’ultimo da chiamare in causa per giustificare l'assenza di competitività. L’azzeramento tecnico in atto avrà bisogno di tempo per produrre i propri effetti e, all’arrivo di James Key atteso nel corso del 2019, andrà a sommarsi quello, atteso, di Andreas Seidl, provenienza Porsche, dove ha curato il progetto Formula E, che vedrà la casa di Stoccarda debuttare nella Stagione 6.

Rapporti tra team e motorista che non potrebbero essere più diversi, mettendo a confronto Red Bull e McLaren, Renault e Honda. E se a Milton Keynes non hanno fatto mistero d’aver adottato un approccio diametralmente opposto a quanto fatto da McLaren con Honda, a Woking le differenze enormi nella comunicazione con Renault sono ugualmente lampanti. Si dirà: Red Bull era stufa di attendere il Godot delle prestazioni, McLaren attraversa un’altra fase.

Sterzi a parte: In bocca al lupo alla rivoluzione McLaren!

Sta di fatto che, Zak Brown, è fiducioso sui progressi che potrà compiere Renault nel 2019: “Siamo molto contenti di Renault, abbiamo un ottimo rapporto con loro.

Ad Abu Dhabi ho ricevuto il rapporto su come progredisce la power unit del prossimo anno e sono dati molto incoraggianti”. Nel corso del 2018 gli sviluppi della power unit francese sono stati offerti ai team clienti lasciando massima libertà di scelta sulla specifica da utilizzare, non a caso Red Bull ha spinto per utilizzare la Spec 3, rivelatasi però inaffidabile (non che la Spec 2 sia andata meglio, leggendo i ritiri di Ricciardo e Verstappen); altre differenze si sono avute nell’efficacia della mappatura da qualifica, in virtù dei diversi fornitori di benzine adottati da Red Bull e da Renault e McLaren.

Renault ci ha dato un motore affidabile quest’anno, perciò sta andando bene, siamo contenti della decisione presa e molto felici di lavorare con loro. Penso che trarremo vantaggio dall’avere due squadre in griglia il prossimo anno , così potranno essere concentrarti su di noi e su loro stessi, ed è eccitante il futuro a lungo termine”, ha aggiunto Brown.

Verstappen: critiche a Renault? Io non sono in F1 per partecipare