Tutta la stagione F.1, MotoGp e Superbike sarà trasmessa sul canale satellitare. Dei 21 Gran Premi che compongono il Mondiale F.1 2019, ben 16 saranno in esclusiva live su Sky Sport, i rimanenti cinque verranno trasmessi in diretta anche su TV8 (Gp Monaco, Gp Gran Bretagna, Gp Italia, Gp Usa e Gp Abu Dhabi).

In totale l’offerta motori di Sky Sport prevede 1100 ore di diretta. Per quanto riguarda la programmazione delle gare a quattro ruote la copertura sarà pressoché totale con F.1, F.2, F.3, Ferrari Challenge, Porsche Carrera Cup, Porsche Supercup. In questo panorama si integrano poi i motori dei canali Eurosport con Wec, Wtcr, Formula E ed Europeo Rally.

In F.1 spalle tecniche saranno Jacques Villeneuve, Marc Genè, Davide Valsecchi, Matteo Bobbi e Marcello Puglisi. "AbbIamo il supporto di personaggi che sanno sulla loro pelle di che cosa stanno parlando", sottolinea il vice direttore di Sky Sport e voce narrante della MotoGP, Guido Meda. "Anche se sarà impegnato in EuroNascar e in alcune gara del Tricolore GT con una Ferrari 488 sarò sempre presente nei Gp - ha sottolineato Jacques Villeneuve - Avrò un 2019 molto impegnato".

LA FORMAZIONE PER I GP La voce narrante dei Gran Premi sarà ancora quella di Carlo Vanzini (responsabile editoriale della F.1), affiancato da Marc Gené al commento tecnico. F.2 e F3 saranno raccontate da Lucio Rizzica e Marcello Puglisi, mentre Biagio Maglienti si occuperà di Carrera SuperCup. Tutti gli approfondimenti dai Gp saranno condotti da Federica Masolin con i suoi ormai storici compagni dei viaggio Jacques Villeneuve e Davide Valsecchi a cui si aggiungeranno le analisi tecniche di Matteo Bobbi. Le interviste dalla pit lane saranno effettuate da Mara Sangiorgio, mentre Roberto Chinchero sarà l’insider nel paddock e in cabina di commento. Infine ogni domenica di gara Fabio Tavelli condurrà Race Anatomy F.1 dove torneranno le opinioni originali e stranianti di Leo Turrini.

MARC GENE’ VEDE ROSSO Il commento tecnico dei Gp sarà ancora una volta affidato a Marc Gené. Che sottolinea: "C’è tanta positività in casa Ferrari. Dopo i primi test c’è ottimismo per la grande affidabilità non tanto per la prestazione. Ci sono solo 8 giornate di test prima del via del Mondiale 2019 e devi ottimizzarli al massimo. Ed è stato eccezionale che nel primo giorno di collaudi a Barcellona Sebastian Vettel abbia coperto la lunghezza di tre Gp. I tempi a questo punto della stagione non si guardano; l’ambiente è ottimo, concentrato e determinato. La Ferrari parte sempre con l’obbiettivo di vincere. E per quando riguarda i piloti è stata azzeccata la mossa di nominare capitano Vettel, Leclerc deve crescere e non deve avere tanta pressione. Comunque sia, Charles è stato subito velocissimo nei primi quattro giorni di test: è molto maturo per l’età che ha".