Manca poco più di una settimana al GP d’Australia, il primo della stagione 2019, e in Honda avviene un cambio al vertice per potenziare la struttura.

Masashi Yamamoto, il boss del dipartimento motorsport del Costruttore giapponese, lascia il posto per dedicarsi esclusivamente alla Formula 1.

“Il nuovo ruolo di Yamamoto - recita il comunicato - significa che si concentrerà solo sulla F1 e sottolinea quanto il progetto sia importante per Honda, specialmente nell’anno in cui forniremo i motori a 2 team”.

Yamamoto sarà operativo nella nuova posizione dal primo aprile 2019 e il suo posto sarà preso da Hiroshi Shimizu, l’attuale presidente di Honda Messico.

Il cambio si è reso necessario perché, come detto, i V6 del Sol Levante nel 2019 si troveranno sotto al cofano delle Red Bull e delle Toro Rosso. Un doppio impegno che  Honda non può permettersi di sbagliare perché, dopo gli anni bui con McLaren, ha bisogno di trovare conferme dopo i segnali incoraggianti raccolti dalla stagione con la Toro Rosso.

2018 talmente positivo da aver spinto la Red Bull ad abbandonare definitivamente Renault e scegliere i propulsori di Tokyo.

Proprio per questo, Honda vuole evitare passi falsi e ha disegnato un ruolo apposito per Yamamoto, sgravandolo dalle altre responsabilità della galassia motorsport Honda, per farlo concentrare solo sulla F1.