Se il Canada è già storia, già in archivio, sveglia utilissima per interrogarsi su quale Formula 1 si è arrivati ad avere, il Gran Premio di Francia è praticamente attualità. La Ferrari introdurrà una nuova ala anteriore, primo colpo di un percorso di novità che andrà avanti con modifiche successive al fondo e ai deviatori di flusso dietro le ruote anteriori.

Montreal ha mostrato una SF90 competitiva, una prestazione quasi attesa, visto il rendimento offerto in Bahrain.

Mattia Binotto non ha nascosto come i punti deboli del progetto siano rimasti invariati, dal pacchetto di aggiornamenti futuri dovranno arrivare le soluzioni e le basi per la monoposto 2020. Ferrari che fatica nel far lavorare correttamente le gomme anteriori e trovare aderenza nelle curve lente, scenario sconosciuto al Circuit Gilles Villeneuve.

L'editoriale del Direttore: ferito il cuore di un duello bellissimo

STESSA SF90 DIVERSA RESA

“È molto difficile giudicare e prevedere la prestazione, però è un circuito sul quale conta la potenza ed è impegnativo sulle gomme posteriori, diverso quindi da Barcellona che impegna l’anteriore. È più simile al Bahrain. Sapevamo che saremmo stati più vicini a Mercedes, andando in Canada. La prestazione al venerdì, in rapporto a loro, è stata difficile finché non è migliorata la pista, con più aderenza.

La macchina era esattamente la stessa che avevamo in Spagna, da allora non abbiamo introdotto aggiornamenti, quindi diciamo che i punti deboli sono ancora presenti sulla macchina”, ha commentato il team principal dopo la gara.

Mercedes, l'intervento che ha cambiato la gara di Hamilton

UN RECUPERO DA AVVIARE CON GLI SVILUPPI

I circuiti in arrivo, a partire dal Paul Ricard, avranno tutti dei tratti sui quali conterà sviluppare carico aerodinamico e precisione in inserimento. Da Zeltweg al primo settore di Silverstone, dal Motodrom di Hockneheim a Budapest.

“Dobbiamo lavorare e provare a migliorare, perché ci saranno altre gare che non saranno come il Canada, perciò dobbiamo continuare a lottare e sfidare Mercedes.

Il merito delle prestazioni in gara va alla squadra, al duro lavoro e su questa pista siamo apparsi un po’ più competitivi. C’è ancora del lavoro da fare, penso che Mercedes e Lewis fossero un po’ più veloci, noi stiamo ancora recuperando ma in generale è stata una buona gara”.