McLaren conferma la coppia di piloti 2020. Se il contratto firmato da Carlos Sainz lo scorso anno prevedeva già un impegno biennale, Lando Norris ha guadagnato una permanenza scontata a Woking. I risultati hanno attivato la "clausola di prova", dei piloti debuttanti in Formula 1 è stato il più convincente, veloce e in grado di mettersi in mostra, aiutato da un progetto McLaren 2019 ben riuscito.

Il rendimento, quasi a metà stagione, vede Lando con 22 punti, appena 8 dietro Sainz.

Scelta logica da parte del team diretto da Andreas Seidl, scelta che esclude qualsiasi ricostruzione su un ritorno di Alonso con McLaren. Stando ai rumours, ufficialmente smentiti, dopo la debacle di Indianapolis le strade del team e del pilota si sarebbero separate, certo non è più previsto alcun impegno al volante della MCL34 nel corso del 2019, pur con i test delle gomme da 18 pollici da effettuare, compito per il quale potrebbe entrare in gioco Sergei Sirotkin, terzo pilota preso in prestito da Renault.

ALL'INSEGNA DELLA STABILITÀ

“L’annuncio dà al team la continuità per proseguire nel miglioramento. Le prestazioni di Carlos e Lando sono state una componente cruciale nei progressi della squadra. Il loro feedback ha permesso agli ingegneri di sviluppare la MCL34 e programmare la MCL35”, ha commentato Andreas Seidl.

Sterzi a parte: Il libro che Enzo Ferrari non sapeva di aver scritto

Di Norris, prima del debutto, si diceva di un giovane dall’alto potenziale ma che sarebbe stato Carlos Sainz a guidare la crescita McLaren in avvio di stagione. La realtà è stata un po' diversa, con Norris subito in grado di far bene e ottenere punti, mentre Carlos ha vissuto gare un più difficili, bersagliato anche da problemi di affidabilità.

“Carlos ha giocato un ruolo chiave nello sviluppare la macchina con la sua esperienza, mentre Lando si è abituato alle richieste della Formula 1 incredibilmente in fretta e sta crescendo nella fiducia week end dopo week end”.

Ad attendere c’è Silverstone, gara di casa nella quale confermarsi prima squadra dietro i top 3 e ripetere l’ottima prestazione dell’Austria. Sia Carlos che Lando hanno avuto un reale apporto nella spinta positiva e sul morale del team, sia in pista che in fabbrica.

L'Editoriale del direttore: Trento-Bondone, che gran risposta!

L’accoglienza avuta dai tifosi è stata straordinaria e sono degli ambasciatori straordinari del marchio McLaren”, ha aggiunto Zak Brown.