L’accordo è arrivato. Silverstone continuerà a ospitare il Gran Premio di Gran Bretagna nei prossimi 5 anni, fino all’edizione del 2024. L’annuncio arriva con una conferenza stampa congiunta, tra Carey, Pringle e Grant: Formula 1 da un lato, circuito e BRDC dall’altro. Alla firma si è giunti nella giornata di martedì, a Londra.

Un appuntamento che, solo nelle ultime due edizioni, ha portato sulle tribune ben 680 mila spettatori. Il contendere, attivato dalla clausola d’uscita nel 2017, era anzitutto il contributo economico da corrispondere alla FOM per ospitare il Gran Premio.

GP Gran Bretagna, Wolff: Silverstone può esaltare la W10

Un circuito icona della F1

“Silverstone è uno dei Gran Premi più iconici del calendario di Formula 1 e con una tradizione così ricca sarebbe stato un disastro per lo sport e i tifosi non riuscire a trovare il modo per proseguire, ha commentato John Grant, presidente del BRDC.

Circuiti storici, Silverstone come Monza, che si apprestano a celebrare importanti ricorrenze: nel 2022 a Monza sarà Centenario dalla realizzazione del tracciato, nel 2020 Silverstone taglierà i 80 anni dal primo GP valido per il Mondiale:

“L’anniversario renderà l’evento del prossimo anno ancor più speciale”.

Non solo monoposto a Silverstone

Oltre 100 milioni di sterline verranno investiti nei prossimi 3-4 anni, Silverstone realizzerà un centro Experience per i visitatori, a ripercorrere la storia del circuito: verrà inaugurato nei prossimi mesi. In tempo per il GP del 2020, invece, aprirà l'hotel Hilton Garden Inn, in prossimità del rettilineo di partenza. 

Dalle parole di “resistenza” pronunciate dal direttore generale del circuito, una Formula 1 da ospitare alle “giuste condizioni”, Stuart Pringle ammette come “la prospettiva di non ospitare un Gran Premio a Silverstone sarebbe stato devastante per tutto lo sport e sono lieto di essere qui, oggi, alla vigilia di quello che sarà certamente un evento fantastico, a fare questo annuncio positivo sul futuro”.

L’accordo sarà “almeno quinquennale”, come ha sottolineato Chase Carey: “Il Gran Premio di Gran Bretagna resterà in calendario per almeno i prossimi 5 anni, l’evento resterà nella sua casa di lunga data, il circuito di Silverstone.

Abbiamo sempre detto che, se dev’esserci un futuro di lungo termine, il nostro sport deve proteggere luoghi storici e Silverstone e la Gran Bretagna rappresentano la culla di questo sport, il suo punto d’inizio nel 1950.