Prima fila tutta Rossa sulle Ardenne, con la SF90 di Leclerc  che si è conquistata la partenza dal palo. Il monegasco è stato fenomenale, non solo perché ha messo la firma sul miglior tempo del weekend con il suo 1:42.519, ma anche perché ha dato più di sette decimi a Vettel, secondo, e Hamilton, terzo.

Il ferrarista, costantemente più veloce in pista dal secondo turno di libere fino al Q3, mette nel mirino la prima vittoria in carriera… Mercedes e meteo permettendo: per domenica è previsto un abbassamento delle temperature e sul passo gara, le W10 sono state più costanti delle Rosse.

Charles, per ora, preferisce gustarsi il momento e il fatto di essersi messo alle spalle due Campioni del Mondo di Formula 1. “La macchina mi ha dato ottime sensazioni - Racconta - Anche se, a causa del traffico ho faticato nel primo settore. Per fortuna, passata la prima curva, il giro è andato bene”.

Giro di lancio iniziato con qualche “scaramuccia” con Hamilton. Su un circuito veloce come Spa, tutti vogliono prendere la scia giusta per guadagnare decimi, ma Leclerc ha scelto un’altra strategia: “Volevo essere da solo, sono riuscito a preparare bene il giro durante la tornata di lancio”.

Nella prima parte di stagione, Leclerc ha sofferto la gestione della qualifica, ma sembra che il lavoro che sta facendo per superare i suoi limiti stia iniziando a dare i primi frutti: “Dopo quello che è successo a Budapest - Prosegue - Ho cambiato il modo di gestire le gomme. Vediamo se domani questo dettaglio porterà i vantaggi che speriamo”.

In gara ci sarà da fare i conti con le Mercedes, apparse più forti delle Ferrari nei long run di venerdì. Leclerc, però, resta fiducioso: "Nelle prove di venerdì abbiamo faticato, dobbiamo lavorare. Ma guardando il passo gara di oggi abbiamo dimostrato qualcosa di buono", ha concluso  Leclerc.