Grande lotta per la pole nel momento decisivo delle qualifiche, ma anche stavolta c'è poco da fare contro un Hamilton scatenato: 1'31"678 che è anche il record assoluto della pista (il 1'32"238 di Schumacher 2004 era già stato superato in Q2 da Raikkonen). Con un ultimo colpo di reni Vettel si porta 2° a 0"186, scavalcando di 1 solo millesimo Bottas 3°. Mentre Raikkonen è 4° con un gap di 0"462.

Quanto sia stata intensa la lotta per la pole, lo dimostra anche il distacco di tutti gli altri: Ricciardo è 5° e primo degli inseguitori a 1"355, mentre Massa 6° è a 1"829. Buon 7° posto per Hulkenberg (+1"902) mentre completano la top ten, ma a più di 2 secondi dal vertice, Perez, Kvyat e Stroll. Qualche problema tecnico di troppo nelle qualifiche per Vandoorne e Ocon ma soprattutto per Verstappen, che non è riuscito a passare le Q1. Mentre purtroppo Giovinazzi ha sbattuto dopo aver guadagnato l'accesso alle Q2, con disappunto di Grosjean e Palmer che non hanno potuto migliorare per via delle bandiere gialle conseguenti.

L'appuntamento con la nostra prossima diretta passa dunque alla gara, alle ore 8 (italiane) di domattina.

La cronaca con Twitter

(in coda il riassunto della terza sessione di prove libere e l'introduzione)

Così la terza sessione di prove

Un errore nel giro "buono" alla staccata in fondo al rettilineo, quella di curva 14, ha compromesso la prestazione di Hamilton anche nei confronti del compagno Bottas (ostacolato dal traffico), e così a svettare nell'unico vero turno di prove libere del GP di Cina sono le due Ferrari, con Vettel a segnare 1'33"336 e Raikkonen solo 53 ms più indietro. Staccate di 0"371 e 0"543 le due Mercedes, che comunque sono andate forte negli stint più lunghi da "passo gara".
Mentre fra "gli altri" è nuovamente Massa a precedere tutti con un ritardo di 1"437. Seguono le Red Bull con Verstappen 6° a 1"610 e Ricciardo a 1"756, quindi molto ravvicinati fra di loro Stroll, Palmer e Sainz: il canadese è a meno di 4 decimi dal compagno di squadra e i loro distacchi dal vertice sono di 1"846, 1"856 e 1"887, racchiusi quindi in soli 41 ms. Sono invece a più di 2 secondi i restanti concorrenti, a partire da Hulkenberg 11° che stavolta si è fatto sopravanzare dal compagno britannico.

Introduzione

Iniziano alle ore 9 italiane (le 15 locali) le prove che serviranno a definire lo schieramento di partenza del GP della Cina, seconda prova del Mondiale F1 2017. Qualifiche che seguiremo con la nostra b mediante l'account Twitter @autosprintLIVE, mentre all'ultima ora di prove libere (dalle ore 6 alle 7 italiane) dedicheremo un piccolo riassunto.

Saranno prove, queste del sabato, in cui ci si giocheranno tutte le possibilità di assettare le monoposto e di capire il comportamento delle gomme (la Pirelli ha portato le mescole supersoft, soft e medium) dopo che nel venerdì non si è praticamente girato. Vedremo inoltre se le condizioni ambientali saranno migliorate davvero, ma per quanto possibile ci si aspetta che tutti sfruttino la pista al massimo per accumulare giri e dati, migliorando e sistemando le vetture anche nel corso delle stesse qualifiche. Sarà quindi possibile pure qualche errore di troppo, da parte dei piloti, nella ricerca di un limite non sempre ben definito né costante.