La seconda sessione di prove libere a Spielberg è stata caratterizzata da due interruzioni con bandiera rossa: la prima per Verstappen che va a sbattere all'indietro in curva 10, la seconda per Bottas che invece picchia di punta in curva 6. In entrambi i casi macchine mezze distrutte e simulazioni di qualifica interrotte due volte ai vari piloti in pista in quel momento, compreso Vettel che infine rischia anche lui il botto sempre in curva 10 (l'ultima) evitando le barriere di poco.

Alla fine chi riesce ad esprimersi meglio di tutti, pur costretto ad alzare il piede per le bandiere gialle dovute al compagno di squadra, è Leclerc, che segna un 1'05"086 sufficiente a scavalcare di 0"331 il tempo che Bottas aveva conseguito prima della simulazione di qualifica in cui è uscito. Insomma, tempi davvero poco indicativi, con Gasly 3° a 4 decimi e Hamilton 4° senza aver nemmeno provato un giro "da pole": interrotto dall'uscita di Bottas, è poi passato direttamente ai long run.

Tra gli inseguitori, sempre ok la McLaren con Sainz 5°, come pure la Haas con Grosjean 6° e ritorno Alfa con Raikkonen 7°, davanti a Vettel che dopo l'arrore in simulazione qualifica (in cui ha "squadrettato" le gomme soft) è passato ai long run con le hard. Chiudono la top ten Verstappen con il tempo fatto segnare su medie in un giro "normale" e quindi Norris, a precedere Magnussen di 8 ms e Perez di 12 ms.

Prossimo appuntamento con la pista, quello dell'ultima ora di prove libere sabato alle 12.

I RISCONTRI DELLE PROVE A SPIELBERG

La nostra cronaca con Twitter