Finale di qualifica surreale a Monza: per non dare scia ai rivali, i 9 piloti presenti al secondo run (Raikkonen aveva picchiato alla Parabolica nel primo) rallentano talmente che quasi tutti prendono la bandiera a scacchi prima di potersi lanciare nel giro cronometrato. Così la pole position resta a chi l'aveva conquistata nel primo run, vale a dire Leclerc con il tempo di 1'19"307 (non sufficiente a battere il record di Raikkonen, 1'19"119). Allo stesso modo Hamilton resta 2° a 39 millesimi, quindi 8 ms su Bottas 3°, mentre Vettel che non aveva sfruttato alcuna scia si accontenta del 4° tempo a 15 centesimi.

Con Verstappen e Albon senza tempo (Max già dalle Q1 per un calo di motore) la 5ª posizione viene colta da Ricciardo (a 0"532 dal vertice) riuscito a precedere Hulkenberg di 21 centesimi, mentre Sainz è 7° più staccato. Senza tempo, oltre a Raikkonen, sono Albon e Stroll, mentre Giovinazzi è il primo fuori dalla top ten, dalla quale è stato escluso per 2 millesimi dal compagno di squadra.

In attesa di vedere se la direzione di gara prenderà provvedimenti per l'eccessiva lentezza del giro di lancio in qualifica, ricordiamo che la gara partirà domani alle ore 15,10, sempre con la nostra cronaca "live" a raccontare cosa succede in pista.

I RISCONTRI DELLE QUALIFICHE A MONZA

La nostra cronaca con Twitter