Da Macao, Alessandro Gargantini Il quarto posto sta molto stretto ad Antonio Giovinazzi (sopra), che al Macao GP è stato velocissimo ma anche sfortunato. Il nostro portacolori sarebbe stato un sicuro protagonista della gara senza l’incomprensibile decisione dei commissari, che gli hanno annullato la pole position e la vittoria nella manche di qualifica a seguito di un contatto con Daniel Juncadella, giudicato da molti addetti ai lavori come un normale incidente di gara. Mentre Giovinazzi era autore di una emozionante rimonta, Felix Rosenqvist si avviava verso la vittoria del Gran Premio di Macao F3. Per il secondo anno consecutivo lo svedese della Prema è salito sul gradino più alto del podio ed ora il ventiquattrenne di Malmoe ha eguagliato il primato del nostro Edoardo Mortara, l’unico pilota ad aver compiuto la stessa impresa in precedenza. Rosenqvist, dopo un paio di scambio di posizioni con Charles Leclerc, ha approfittato di un’esitazione del monegasco, che si è fatto momentaneamente sopravanzare da Sam MacLeod al restart dopo una neutralizzazione, per allungare e mantenere fino al termine il comando delle operazioni. Soltanto negli ultimi metri di corsa il pilota di Van Amersfoort si è fatto sotto allo svedese, senza però avere alcuna chance di attaccarlo. Terza posizione per l’esperto Alex Sims, che ha riportato sul podio, al termine di una stagione particolarmente sfortunata, la britannica Double R. La corsa è vissuta anche sulla rimonta di Antonio Giovinazzi, che dalla decima posizione in griglia è risalito superando cinque concorrenti ma poi la rimonta si è arrestata alle spalle del pilota inglese in quarta posizione. In costante crescita Alessio Lorandi, settimo al termine di una corsa convincente. Il bresciano è stato protagonista fine settimana senza errori, riuscendo a portare a casa un risultato di indubbio prestigio. Positivo l’ottavo posto di Lance Stroll, ben risalito dopo essere stato coinvolto nell’incidente al via della prima manche. La corsa è stata sospesa al termine del secondo giro a causa di una carambola alla Fishermen Bend che ha visto protagonisti Tveter, Takaboshi e Menezes.