LE CASTELLET. Vittoria in volata per la Lexus RC-F nella 1000km di Le Castellet, banco prova che i partecipanti alle Blancpain GT Series disputano prima della prestigiosa 24 Ore di Spa. La vettura giapponese, sviluppata dall’Emil Frey Racing, alla terza apparizione nel campionato organizzato da SRO si è imposta con un sorpasso all’ultimo giro di Albert Costa, che divide il sedile con Christian Klien e Marco Seefried, ai danni di Jules Gounon. Il francese da parte sua, si era ritrovato in testa con la Bentley che era stata nelle mani di Jordan Pepper e Stevan Kane, dopo le disgrazie degli avversari, su tutti un problema all’anteriore sinistra della Ferrari di SMP Racing ed una penalità alla McLaren che aveva condotto le prime cinque ore di gara, ha avuto un cedimento della carrozzeria del cofano motore dopo la ripartenza dall’ultima Virtual Safety Car, che lo ha portato ad avere visibilità limitata nella notte, e a favorire il recupero di una Lexus già imbattibile sul rettilineo. 

Detto della McLaren di Barnicoat/Watson/Ledogar comunque terza nonostante un drive-through per un’irregolarità al pit-stop dopo la partenza in prima fila a sette centesimi dalla pole, merita di essere rimarcata la prestazione di Raffaele Marciello, quarto con Jaeger e Christodolou, sulla miglior Mercedes al traguardo. Svanita in una bolla di sapone la possibilità di vittoria della Ferrari nell’ultima parte di gara per un problema alla ruota anteriore sinistra, peggio è andata all’Aston Martin che partiva dalla pole position, con Dennis che al via del secondo giro di formazione ha avuto un problema di erogazione di potenza, sfilando a centro gruppo e poi accusando una fatale noia tecnica a metà gara. Dai box non è più uscita l’Audi di Dries Vanthoor dopo il primo doppio stint, ed ha perso terreno nella parte centrale la Lamborghini dei campioni in carica Bortolotti/Caldarelli/Engelhart per un problema allo sterzo, anche penalizzati per un sorpasso ritenuto oltre il limite dalla direzione gara nelle prime battute.

Festa tricolore per Michele Beretta, in equipaggio con Mitchell e Kordice, che si è imposto nella Silver Cup, come ha fatto anche Gianluca De Lorenzi, sulla Ferrari di AF Corse nella Pro-Am, al volante con la consolidata coppia Cameron/Griffin.

1000 KM PAUL RICARD - TOP TEN

1 - Klien/Seefried/Costa (Lexus RCF) – Emil Frey – 176 giri 6:00'29''709
2 - Pepper/Gounon/Kane (Bentley Continental) – M Sport – 2''315
3 - Barnicoat/Ledogar/Watson (McLaren 650S) – Garage 59 – 43''827
4 - Jaeger/Christodoulo//Marciello (Merceds AMG GT3) – AKKA – 47''056
5 - Ordonez/Buncombe/Parry (Nissan GT-R) – RJN – 53''772
6 – Gachet/Haase/Winkelhock (Audi R8) – Sainteloc – 1'58''291
7 - Petrov/Bulatov/Meadows (Mercedes AMG GT3) – SMP – 55''594
8 - Tambay/Fumanelli/Fraga (Mercedes AMG GT3) – Strakka – 1'04''061
9 - Buhk/Parente/Goetz (Mercedes AMG GT3) – Strakka – 1'08''059
10 - Makowiecki/Dumas/Werner (Porsche 911) – Manthey – 1'19''343