Undici appuntamenti, tutti concomitanti con la Formula 1, designeranno il successore di Stoffel Vandoorne nel campionato di GP2. Ufficializzato il calendario 2016, sono tre le novità principali: il ritorno della Germania, rimpiazzata nel 2015 da un secondo appuntamento in Bahrain, il debutto del Gran Premio a Baku, in Azerbaijan, e il ritorno del Gran Premio di Malesia a Sepang, assente dal 2013. Otto gare europee e tre trasferte fuori dal continente, tra cui la chiusura ad Abu Dhabi. Il campionato di GP2 2016 scatterà a maggio da Barcellona, sede anche dei primi test invernali, tre giorni la prossima settimana, il 9, 10 e 11 marzo. Seguirà poi una sessione a Jerez de la Frontera, a fine mese, dal 29 al 31 marzo. Medesimo stop estivo della Formula 1 ad agosto, 25 giorni tra il Gran Premio d’Ungheria e il ritorno in pista a Spa Francorchamps, dopo un luglio intenso e ricco di appuntamenti: ben 4 gare. «Ancora una volta il calendario rappresenta un mix di corse sui circuiti europei palcoscenico della Formula 1 e appuntamenti extraeuropei, con l’aggiunta di Baku e il ritorno di Sepang. Abbiamo prestato molta attenzione al controllo dei costi nel lavoro sulle gare di questa stagione, per aiutare i team a mantenere un modello economico sostenibile. Credo che abbiamo raggiunto il perfetto equilibrio e i nostri piloti potranno imparare tanti circuiti di Formula 1», ha commentato l’organizzatore della GP2 Series Bruno Michel. 13-15 Maggio - Barcellona, Spagna 26-28 Maggio - Montecarlo, Monaco 17-19 Giugno - Baku, Azerbaijan 01-03 Luglio - Spielberg, Austria 08-10 Luglio - Silverstone, Gran Bretagna 22-24 Luglio - Budapest, Ungheria 29-31 Luglio - Hockenheim, Germania 26-28 Agosto - Spa-Francorchamps, Belgio 02-04 Settembre - Monza, Italia 31 Settembre-02 Ottobre - Sepang, Malesia 25-27 Novembre - Yas Marina, Abu Dhabi