Al termine di una sessione di qualifica sottotono, non erano particolarmente promettenti le premesse in vista della prima manche dellíultimo round stagionale del FIA Formula 2 Championship, di scena sul tracciato degli Emirati di Yas Marina.

Nessuno dei piloti italiani aveva conquistato una posizione nelle prime cinque file e per loro si prospettava una gara in rimonta. A interpretare al meglio la sfida È stato Luca Ghiotto. Il driver di Arzignano, scattato dall'ottava fila sullo schieramento di partenza, grazie alla strategia vincente di prendere il via con gli pneumatici prime, quelli più duri, ed una condotta di gara molto incisiva, è riuscito a guadagnare terreno con pista libera non appena i suoi rivali si sono fermati per il cambio gomme.

Luca Ghiotto, dopo aver assolto il suo pit-stop nelle battute conclusive della gara, è rientrato in pista al quinto posto e ha ben recuperato fino al gradino più basso del podio.

Molto positiva è stata anche la prova di Antonio Fuoco, risalito dal dodicesimo al settimo posto grazie ad una prestazione molto convincente. Il portacolori del Ferrari Driver Academy scatterà dalla prima fila nella Sprint Race di domani accanto a Roberto Merhi.

Il rookie Alessio Lorandi, schierato dal Team Trident, è scattato dall'ultima posizione in griglia a causa di una penalizzazione subita nel precedente appuntamento di Sochi ed è risalito fino al tredicesimo posto al traguardo grazie a un solido ritmo gara. Il pilota junior della Mercedes George Russell ha conquistato il settimo successo stagionale che gli ha consentito di mettere le mani sul titolo della categoria.

Artem Markelov e Luca Ghiotto hanno completato il podio, mentre il pilota olandese della Prema Racing Nyck de Vries ha conquistato la quarta posizione. La corsa è stata caratterizzata da un incidente al via. La vettura di Nicholas Latifi, autore del terzo tempo in prova, è rimasta ferma sulla griglia di partenza ed è stata violentemente colpita dalla monoposto del Team Trident condotta da Arjun Maini.

Entrambi i piloti non hanno riportato danni fisici, ma le vetture sono uscite pressochÈ distrutte nello spaventoso impatto. La Sprint Race scatterà domani alle ore 13:35 locali, ovvero le 10:35 in Italia.