Norimberga. Dalla Pole position alla vittoria nella prima gara del weekend più
glamour della stagione: Edoardo Mortara vince dopo essere scattato al
comando, nel finale ha dovuto resistere alla pressione che gli imposto il suo
“collega” Gary Paffett, che ha preceduto di 6 decimi dopo 68 giri di corsa,
conquistando così il decimo successo nella serie.

Tuttavia l’inglese della Stella conquista il comando provvisorio della classifica
con 97 punti contro i 91 di Timo Glock, oggi soltanto decimo.

Mentre Mortara guadagnava la testa al Via!, Philipp Eng si lasciava superare alla
chicane da uno scatenato Marco Wittmann. Eng è stato uno dei quattro piloti che ha
praticato l’undercut estremo al primo giro, lasciando Mortara davanti a Wittmann,
Paul di Resta e Paffett.

Al momento del Pit stop, al settimo giro, Wittmann si trovava a 7 decimi dal leader
Mortara, che si è a sua volta fermato al decimo, mentre Paffett è rientrato al 13°,
dopo aver superato Di Resta ed essere passato al (virtuale) comando. Lo scozzese
della Mercedes ha invece ritardato lo stop di altri 10 giri, recuperando su Lucas
Auer.

Ultimi ad effettuare la sosta sono stati Rockenfeller e Frijns, giocando una
strategia estrema che ha pagato solo parzialmente e senza nemmeno riuscire a
mascherare i problemi di motore qui evidenziati dalla Casa di Ingolstadt che non è
riuscita a piazzare nessuna RS5 DTM nei punti.

Wittmann è stato a lungo nel sandwich Mercedes prima che Paffett lo superasse con
una frenata al limite alla Grundig in fondo al rettilineo a 26 giri dalla fine.

L’inglese ci ha poi provato con Mortara ma senza successo, mentre Di Resta ha
effettuato un bellissimo sorpasso alla chicane su Eng, prima all’esterno per poi
essere sulla giusta traiettoria, conquistando così il quarto posto finale: a
proposito di traiettorie lo scozzese è stato “ammonito” per aver cambiato più volte
la linea sul rettilineo d’arrivo.

Eng ha poi chiuso quinto davanti a Spengler, con Auer, Juncadella (Mercedes),
Eriksson e Glock (BMW) a completare i Top 10.

Sorrisi spalancati in casa Mercedes, moderata soddisfazione nello staff BMW e volti
scuri per Casa degli Anelli: gli uomini di Dieter Gass le provano tutte per
recuperare la competitività della RS5 ma il nuovo regolamento tecnico la sta
penalizzando oltre misura e questo non giova alla popolarità del Campionato.

Ordine di arrivo - Gara 1
1 - Edoardo Mortara (Mercedes) - HWA - 68 giri in 56'12''918 alla media di 166.930 km/h
2 - Gary Paffett (Mercedes) - HWA - 0''681
3 - Marco Wittmann (BMW) - RMG - 1''286
4 - Paul Di Resta (Mercedes) - HWA - 8''550
5 - Philipp Eng (BMW) - RMR - 13''773
6 - Bruno Spengler (BMW) - RBM - 14''169
7 - Lucas Auer (Mercedes) - HWA - 14''874
8 - Daniel Juncadella (Mercedes) - HWA - 15''205
9 - Joel Eriksson (BMW) - RBM - 15''813
10 - Timo Glock (BMW) - RMR - 16''681
11 - Jamie Green (Audi) - Rosberg - 23''330
12 - Robin Frijns (Audi) - Abt - 24''505
13 - Pascal Wehrlein (Mercedes) - HWA - 28''033
14 - Augusto Farfus (BMW) - RMG - 30''382
15 - Mike Rockenfeller (Audi) - Phoenix - 30''803
16 - René Rast (Audi) - Rosberg - 31''632
17 - Loic Duval (Audi) - Phoenix - 42''539
18 - Nico Müller (Audi) - Abt - 1 giro
Giro più veloce: il 7° di Daniel Juncadella in 48''307

Il campionato dopo 7 di 20 gare
1.Paffett 97; 2.Glock 91; 3.Di Resta 79; 4.Mortara 75; 5.Wittmann 67; 6.Auer 61;
7.Eng 53; 8.Wehrlein 41, 9.Rockenfeller 34; 10.Spengler 31.