Un lampo. Acceso ieri sul far della sera sulla strada che si inerpica sopra Cefalù e che da allora seguita a brillare. Il Rally Targa Florio per Luca Rossetti ed Eleonora Mori, sulla Citroen C3 R5 ufficiale, è iniziato decisamente col piede giusto.

Davanti a tutti non appena si è iniziato a fare sul serio, il pilota friulano è fino a questo punto il padrone della "cursa". Più veloce di tutti nelle due ripetizioni della prova di Cefalù ieri, ancora più lesto del resto della truppa stamattina in tre delle cinque prove già andate in archivio, il Rox pare aver finalmente trovato il bandolo della matassa per sfruttare appieno la vettura che deve raccogliere il pesantissimo testimone della Peugeot 208 T16. 

Tutto però è ancora in gioco, perché alle sue spalle Simone Campedelli è tutt'altro che battuto: capace di imporsi sulle corte speciali di Geraci e Bergi, il pilota della Orange One ha ricucito un poco il gap che lo separa dalla vetta e sta già affilando le armi per un secondo giro di speciali da affrontare lancia in resta. 

Più staccato, suo malgrado, Giandomenico Basso, che in alcune condizioni riesce a spingere come vorrebbe sulla sua Skoda Fabia e che in altre si ritrova in debito di feeling. La sua battaglia, più che per la vittoria, è al momento per la medaglia di bronzo ed è una lotta a due con Andrea Crugnola, ora quarto dopo aver assaporato il profumo del podio in mattinata. 

La classifica del Rally Targa Florio dopo 8 prove speciali:

1. Rossetti-Mori (Citroen C3 R5) in 48'01"8; 2. Campedelli-Canton (Ford Fiesta R5) a 6"2; 3. Basso-Granai (Skoda Fabia R5) a 21"5; 4. Crugnola-Ometto (Volkswagen Polo R5) a 26"4; 5. Albertini-Fappani (Skoda Fabia R5) a 37"5.