Vamos Mexico, il mondiale rally si appresta alla prima trasferta transoceanica e sbarca sugli sterrati messicani con il "Rally Mexico", la classica prova centroamericana, la prima della stagione sullo sterrato. Il Rally del Messico, che si disputa sulle veloci e rocciose speciali ricavate nella Sierra de Lobos e nella Sierra de Guanajuato, sarà la prima gara “vera” della stagione, dopo due rally davvero atipici come quelli di Montecarlo e Svezia. Una corsa, quella messicana, in cui il caldo metterà a dura prova piloti e propulsori, ma che verrà condizionata soprattutto dall’altitudine alla quale si corrono le prove speciali, un fattore questo che causa sempre ripercussioni sulle prestazioni dei motori. 

 

Come d’abitudine sono pochi gli iscritti al “Rally Mexico”, da sempre la gara più povera di partecipanti del mondiale, e così quest’anno figurano solo 29 equipaggi (l’anno scorso erano 30, due anni fa 35) nella “entry list” della prova centroamericana. Il terzo appuntamento iridato della stagione vedrà al via 11 Wrc Plus, vale a dire le 4 Ford Fiesta Wrc affidate a Ogier, Tanak, Evans e Bertelli, le 3 Hyundai i20 Wrc di Thierry Neuville, Dani Sordo e Hayden Paddon, le 2 Citroen C3 Wrc di Meeke e Léfébvre e le 2 Toyota Yaris Wrc di Latvala e Hanninen. L’unica Wrc 2016 in gara sarà la Mini di Gorban, mentre saranno 7 le R5 al via, dove spicca il ritorno dei driver locali Ricardo Triviño (Citroen DS3 R5) e Benito Guerra (Skoda Fabia R5) che dovranno vedersela contro la Skoda Fabia ufficiale di Pontus Tidemand e la Ford Fiesta della MSport di Eric Camillimentre nessun equipaggio risulta stavolta iscritto al Wrc 3.

 

LA GARA 

 

La “carrera mexicana” misurerà 369 km cronometrati con ben 19 prove speciali in programma. La gara, ricavata nella provincia di Leòn, con base a Guanajuato, inizierà questa sera con lo shakedown lungo 5,31 km di Llano Grande in programma mercoledì pomeriggio. Una modifica necessaria per poter disputare giovedì 9 marzo alle 19.23 locali (le 2.23 di notte italiane) la super speciale d’apertura a Città del Messico, che andrà in onda alle 3 su FOX Sports (canale 205).

 

La prova spettacolo, una novità assoluta, è ambientata al centro della capitale messicana a Zocalo, la celebre Plaza de la Constituciòn, dove venne girato l’inizio dell’ultimo film di 007 “Spectre”. Vista la distanza da Leon di 380 km, i piloti si recherannnella capitale messicana in aereo con un charter, mentre le vetture saranno trasportate sui trailer. Venerdì la prima tappa tutta ambientata nelle Sierras de Lobos e di Guanajuato ad oltre 2.000 metri di altezza, prevede 7 speciali per un totale di 154,85 km cronometrati.

 

Si inizia con il crono lungo ben 54,90 km di El Chocolate, che arriva a ben 2.737 metri di altitudine, seguito da quello di Las Minas di 19,68 km. Nel pomeriggio le due prove saranno ripetute e seguite poi dal  classico crono, lungo solo 1 km, che si corre lungo le caratteristiche strade di Guanajuato, e dalle due super speciali dell’autodromo di Leòn di complessivi 4,60 km. Sabato la seconda tappa sarà composta da 9 prove per complessivi 157,57 km cronometrati, tra i quali figurano le speciali di Media Luna (27,42 km), Lajas de Oro (38,31 km) e di El Brinco (10,09 km) da ripetersi due volte (il primo passaggio a El Brinco alle ore 24 italiane sarà trasmesso da FOX Sports sul canale 204), seguite in serata dalle due super speciali in programma all’autodromo di Leòn (2,30 km) e da quella della Feria di Leòn (1,33 km).

 

L’ultima tappa infine è lunga 54,90 km cronometrati con due sole prove in programma, quella di La Calera di ben 32,96 km e la power stage di Derramadero di 21,494 km, che andrà in onda in diretta su FOX Sports sul canale 205 alle ore 19.