Novità in arrivo a Barcellona, in casa Mercedes. La W10 va come un orologio, veloce e affidabile. L’aggiornamento in questione, aspettando le possibili migliorìe tecniche, riguarderà la leggibilità delle informazioni sul volante, in parte causa del tempo perso da Hamilton nella fase di neutralizzazione con VSC a Baku.

VIRTUAL SAFETY CAR, IL 40% DA CENTRARE

Ha perso il contatto da Bottas, circa 2 secondi lasciati in pista per una gestione non ideale del tempo delta. Quando la direzione gara decide l’ingresso della Virtual Safety Car, le macchine in pista devono alzare il ritmo del 40% ed è attraverso indicazioni sul display del volante che il pilota può avvicinarsi il più possibile allo “0” che è il perfetto centrare il tempo di riferimento. Indicazioni con “+” e “-” indicano quanto il passo è superiore o inferiore al tempo limite.

COSÌ LEWIS HA PERSO DI VISTA IL DELTA

“Lewis ha perso un paio di secondi da Valtteri, che sarebbero potuti essere cruciali per la vittoria. Quando la fase di VSC volge al termine, al pilota appare un avviso sul display, qualcosa che noi possiamo controllare, cosa viene mostrato e cosa no”, spiega il responsabile delle strategie in pista, James Vowles.

Formula 1: Horner, Honda Spec 2 dà di più in gara

Due, i fattori che hanno portato alla notevole differenza nel distacco da Bottas, prima della ripartenza: “Abbiamo chiesto a Lewis di effettuare una serie di variazioni ai manettini, è normale per preparare la macchina a una modalità più prestazionale. Però a ogni modifica ha perso la visuale su quello che era il tempo delta.

L’altro fattore che ha contribuito è l’essere o meno sul rettilineo; ad esempio, su curva 16, un lungo rettilineo, se in quella fase arriva la fine della VSC tutto quel che devi fare è gestire il gas. Non era il caso di Lewis, he si trovava in un punto di frenata, uno degli scenari più difficili da gestire sotto VSC, perché devi modulare il tempo delta e prepararti alla ripartenza.

Ayrton Senna, le cose ancora non lette

Una combinazione di tutti questi fattori ha fatto sì che Lewis non abbia commesso un errore, si è trattato della posizione in pista e di un numero di modifiche ai manettini che ha nascosto dove si trovasse in rapporto al preciso tempo delta e ha perso circa 2 secondi”.

GRAFICA AGGIORNATA

Vowles ha confermato la modifica della rappresentazione grafica delle informazioni sul volante, per avere sempre sotto controllo il tempo delta anche durante le operazioni sui manettini e le indicazioni a schermo: “Da parte nostra possiamo fare del lavoro per migliorare in termini del display sul volante in vista di Barcellona e lo faremo”.

F1 2020: a rischio il GP di Spagna, Olanda pronta