Red Bull ai due estremi della lista dei giri veloci al termine della prima sessione di prove libere a Sakhir. Così da un lato troviamo Ricciardo più rapido di tutti con il tempo di 1'31"060, mentre ultimo è Verstappen colpito da un problema pare elettrico a inizio sessione e quindi senza alcun giro cronometrato. Secondo tempo per Bottas staccato di 0"304, mentre un paio di errori e una spiattellata non permettono a Hamilton di salire oltre il 5° tempo.

Seconda fila virtuale quindi per le due Ferrari tra le Mercedes, con Raikkonen a precedere Vettel: il finlandese a 0"398 dalla Red Bull e a 94 ms dal connazionale della Mercedes, il tedesco a ulteriori 12 ms. Il sesto tempo di Grosjean a seguire per 1"456 conferma la competitività della Haas tra gli inseguitori, mentre il 7° di Gasly testimonierebbe l'efficienza dei nuovi elementi montati sulla sua Toro Rosso, tra motore, turbo e Mgu-H. Anche la Renault resta della partita, con Sainz 8° e Hulkenberg 10°; tra i due abbiamo Magnussen. Appena fuori dalla top10 troviamo Alonso e Leclerc, seguiti da Vandoorne e Stroll, quindi Sirotkin: dunque anche Sauber e Williams sembrerebbero aver recuperato parecchio rispetto a quanto visto in Australia.

Ricordiamo però che in Bahrain sarà molto più significativa la seconda sessione di prove libere, che si disputerà alle ore 17 italiane, dato che si svolgerà nelle stesse condizioni serali di qualifiche e gara: vedremo come andrà con la nostra prossima cronaca diretta.

QUI TUTTI I RISCONTRI CRONOMETRICI DELLE PROVE

Introduzione

Inizio alle ore 13 italiane (le 14 in loco) per la prima sessione di prove libere in preparazione al GP del Bahrain, seconda prova del Mondiale F1 2017. Prove che noi seguiremo come di consueto con la nostra cronaca diretta tramite il canale Twitter dedicato @autosprintLIVE.

Teatro della gara è il circuito a Sakhir di 5.412 metri, dove ci aspettiamo si ripeta la lotta ravvicinata tra Ferrari e Mercedes, con un possibile inserimento Red Bull. Ricordiamo che le mescole che la Pirelli ha messo a disposizione in questa occasione sono supersoft, soft e medium, e che in questa prima sessione non sono previste "terze guide" al posto dei piloti titolari.

La cronaca via Twitter