"Se Dio voleva che camminassimo, perché ci ha dato i piedi che si adattano benissimo ai pedali dell’auto?". E ancora: "È difficile guidare ai limiti, ma ancora di più è il riconoscerli".

Bastano solo due delle citazioni famose pescate dallo sterminato vocabolario da corsa di Stirling Moss per comprendere la portata del personaggio. Un uomo un mito con quattro ruote sotto al sedere. Stradista indiavolato, quattro volte vice-campione del mondo di F.1, se n’è andato lo scorso 12 aprile, quando il numero 15 di Autosprint era già andato in stampa.

Classe 1929, il pilota più grande a non aver vinto un mondiale ha segnato e vissuto tutte le varie epoche dell’automobilismo. Una leggenda capace di andare oltre un titolo iridato al quale dedichiamo la copertina di questo numero, che si dipana tra passato e presente in questa sensazione di sospeso che continua ad avvolgere le nostre giornate.

Quello che iniziate a sfogliare è un numero con tanta attualità e tre interviste tutte da leggere a Sebastian Vettel, Robert Kubica e Nico Hulkenberg che parlano di questi momenti difficili in cui stiamo vivendo ma lanciano anche segnali di speranza per una ripresa difficile ma possibile, anche se con modalità diverse da quelle che abbiamo sempre conosciuto. "Spero che il nostro sport non perda popolarità – racconta il presidente dell’ACI Angelo Sticchi Damiani – Per quanto ci riguarda stiamo lavorando per la ripresa".

Già, ma quando ci sarà questa ripresa? E soprattutto con quali modalità?

Colgo l’occasione oltre che per ringraziare i nostri caldissimi lettori anche per avvisarli che questa settimana venerdì 24 aprile (solo in abbinata con i quotidiani Corriere dello Sport e Tuttosport) uscirà in edicola un Autosprint Extra interamente dedicato a Michael Schumacher a venti anni dal primo titolo iridato Piloti conquistato al volante della Ferrari. Una retrospettiva che scalda il cuore con l’inserto che sarà cellophanato a una bandiera italiana.

A proposito di miti: a fine mese in edicola troverete anche Autosprint Gold Collection, dedicato ad Ayrton Senna. La collezione prosegue, la passione resta. Anche a casa.