Come una trentina d’anni fa, solo con qualche chilometro di differenza, alcuni capelli d’argento in più, e lo stesso infinito entusiasmo.

Allora era Faenza, oggi Imola: si ricompone l’accoppiata formata da Gian Carlo Minardi e Aldo Costa. Il patron di un team da Grandi Ricordi guiderà l’Autodromo Enzo e Dino Ferrari, l’ingegnerissimo, dal 2019 direttore tecnico della Dallara, uomo dalla bacheca stracolma di titoli iridati che prima di mettere insieme una carriera straordinaria con la Ferrari e la Mercedes, ha mosso i primi passi in F.1 proprio con la Minardi, farà parte del Cda assieme a Susanna Caroli (dottore commercialista), Valeria Vignali (prof. di Ingegneria all’Università di Bologna) e Augusto Machirelli (esperto di finanza).

Sotto l’albero Imola trova grandi novità e un cambio al vertice del quale in verità si vociferava da un bel po’, in attesa del regalo più bello: vedersi confermata nel calendario del Mondiale 2021, dopo il meraviglioso ritorno del novembre scorso che ha riacceso passioni ed entusiasmo.

D’altronde la scelta di Gian Carlo Minardi e di Aldo Costa è un segnale forte di quanto Imola punti ad ottenere il Gran Premio di F.1 anche nel 2021, dopo che quest’anno era stata chiamata a rimpinguare un Mondiale massacrato dalle cancellazioni causate dal Covid-19.

Nel calendario ufficializzato nei giorni scorsi resta ancora da assegnare un Gp previsto per il 25 aprile 2021 e in riva al Santerno ci sperano, dopo il successo del Gp dell’Emilia-Romagna 2020 e l’apprezzamento unanime che pista e impianto hanno ricevuto da piloti e addetti ai lavori.

Termina così l’avventura di Uberto Selvatico Estense, capace di pilotare il ritorno della F.1 a Imola e di ridare al circuito nuovo smalto.

Quando questo numero di Autosprint arriva in edicola Minardi, uomo di fiducia del presidente dell’ACI Angelo Sticchi Damiani, sarà già al lavoro, immerso nel suo nuovo incarico e si muoverà per garantire una riconferma del Gp in F.1.

Intanto venerdì scorso a Maranello Mattia Binotto nella videoconferenza che ha preso il posto del pranzo di Natale ha sonoramente bocciato la stagione 2020 con una Ferrari che si è meritata un 4 in pagella e che non si potrà più permettere una stagione come quella appena andata in archivio ad Abu Dhabi. La nuova monoposto si chiamerà SF21 e si vedrà direttamente in pista il 1 marzo.

Ha fatto la sua prima uscita ufficiale da ferrarista Carlos Sainz. Di rosso vestito s’è presentato assieme a Charles Leclerc e al fianco di Mattia Binotto. Dedicheremo diverse pagine e vari servizi al nuovo pilota spagnolo della Ferrari sul prossimo numero di Autosprint, che troverete in edicola martedì 29 dicembre, quindi quest’anno non faremo la classica settimana di sosta. Nel frattempo vi auguriamo buon Natale e vi diamo appuntamento alla prossima settimana perché Autosprint sarà il vostro compagno in edicola anche in occasione delle festività, perché, comunque sia, la passione non va mai in vacanza