Sempre prima fila appannaggio delle Red Bull, dopo le qualifiche di Suzuka, ma stavolta al vertice abbiamo Webber riuscito a precedere Vettel di quasi 2 decimi. Sembra tuttavia che il tedesco abbia avuto problemi di kers anche in Q3, che in ogni caso non gli hanno impedito di precedere Hamilton e Grosjean, a 3 e 4 decimi dalla pole. A soli 13 millesimi dalla Lotus si è portato Massa, che a sua volta precede Rosberg di 19 millesimi. Un po' più staccato un ancora positivo Hulkenberg (a 7 decimi dal vertice) davanti ad Alonso, 8° con un ritardo superiore di 11 millesimi e comunque davanti a Raikkonen di altri 19 millesimi. A chiudere la top ten abbiamo quindi Button con un distacco dal poleman comunque inferiore a 1 secondo, a testimonianza di una sessione di qualifiche con distacchi molto ridotti. A poter rovinare la festa a Webber poteva essere giusto un episodio in Q2, quando Perez si è trovato davanti l'australiano che era appena uscito dalla pit-lane: ma il messicano ha confermato che aveva già concluso il giro "tirato" e dunque non è stato ostacolato. Ora si passa direttamente alla gara di domenica, in programma domani alle ore 8 italiane sempre accompagnata dalla nostra cronaca diretta. Ricordando che potete trovare qui tutti i riscontri cronometrici di queste qualifiche. Cominciano alle ore 7 italiane (le 14 in Giappone) le prove valide per lo schieramento del GP a Suzuka. Che seguiremo con la nostra cronaca diretta in parallelo fra web e Twitter. Per quanto visto finora nelle prove libere, sembra che difficilmente si riuscirà a contrastare le Red Bull, e anche in caso di problemi a Vettel (qui autore della pole position negli ultimi 4 anni) può subentrare Webber, come capitato nel turno del sabato mattina. Ci proverà prima di tutti la Mercedes con Hamilton e Rosberg, come pure la Ferrari cercherà di partire subito alle loro spalle per poter difendere in gara la seconda posizione nel mondiale Costruttori dalla Casa tedesca. Intanto, a seguito dell'incidente del mattino, sulla monoposto di Sutil è stato sostituito il cambio, danneggiato, e di conseguenza subirà un arretramento in griglia di 5 posizioni domani. Mentre un'altra decisione della direzione di gara è stata quella di multare, ieri, la Williams di 60.000 euro per aver lasciato uscire Maldonado dai box con una ruota non perfettamente fissata, quella posteriore sinistra che ha poi perso in pista. Nuove scocche per Perez e Bianchi dopo gli incidenti di ieri in cui sono state danneggiate. Ricordiamo che in questa occasione le gomme Pirelli disponibili sono quelle a mescola media e dura (banda bianca e arancione rispettivamente) che hanno mostrato un divario sul giro fra i 6 e gli 8 decimi secondo i casi: probabilmente solo i primi potranno permettersi di superare le Q1 senza adottare il composto più morbido a disposizione. Ricordiamo inoltre che qui a Suzuka vi è una sola zona di attivazione del drs, vale a dire dell'ala mobile, ed è il rettilineo di partenza. Maurizio Voltini CircuitoSuzuka