È un Sebastian Vettel concreto e realista quello che ha parlato dalle colonne del tedesco Die Welt, cosciente del fatto che anche la prossima stagione sarà dura per lui e la Ferrari. “Ci vorrà tempo e tanto lavoro per colmare il gap tra noi e le Mercedes - ha detto – ma il mio obiettivo è dimostrare che io e la Ferrari abbiamo fatto la scelta giusta. Ci vorrà tempo e quindi non me la sento di illudere i tifosi, bisogna lavorare sodo perché le Frecce d'Argento hanno accumulato un grande vantaggio competitivo. Guidare la Ferrari è un sogno – ha proseguito il pilota tedesco – da piccolo Michael Schumacher era il mio idolo e lo ricordo sempre al volante di una Rossa. Poi la storia, il mito, Enzo Ferrari: questo marchio è qualcosa che ha un'anima, che vive, una cosa speciale. E darò il massimo per riportarla al top come merita. Il passaggio alla Ferrari non è una decisione che ho preso nel giro di una notte, ci ho pensato molto, ma dopo i primi risultati deludente in Red Bull è cominciata ad emergere la possibilità di cambiare. Da qui gli incontri con la Ferrari: abbiamo convenuto che fosse il momento giusto per tutti, per riscattarci”.