Le gomme tornano al centro dell’attenzione. Prima la Pirelli ha deciso di adottare per i prossimi Gp pneumatici dal composto molto tenero. Poi Williams e Force India hanno lanciato una provocazione per il prossimo anno: dare la possibilità ai team di scegliere in modo indipendente le due mescole da usare per ogni Gp. Quindi magari una squadra potrebbe optare per soft e supersoft, un’altra per media e dura, una terza per dura e supersoft. Proposta che creerebbe spettacolo ma anche complicazioni enormi. Paul Hembery rifiuta l’ipotesi: «Non avrebbe senso, i team migliori sceglierebbero le stesse mescole per tutti i circuiti, i team piccoli, prenderebbero molti rischi scegliendo gomme più performanti ma meno resistenti. Così avremmo la Manor che sceglierebbe solo gomme più tenere, con il risultato dopo 8 giri di averle usurate. E la cosa non sarebbe buona per l’immagine Pirelli». Alcuni piloti, invece hanno criticato l’idea di passare con più continuità alle soft nei prossimi Gp. Alonso, in particolare vorrebbe gomme più dure e costanti. Sempre Hembery smorza però la polemica nascente: «Non c’è nessuna volontà precisa. Semplicemente siamo alla vigilia di gare con piste particolari, dove per tradizione usiamo gomme più soffici, come Monaco dove avremo soft e super soft perché le velocità e le caratteristiche del circuito lo consentono. Forse anche a Sochi adotteremo mescole più tenere rispetto al 2014».