Da “parcheggiato” di lusso in Super Formula, all’esordio a sorpresa in Formula 1. Stoffel Vandoorne sostituirà Fernando Alonso nel Gran Premio del Bahrain, dopo che al pilota spagnolo non è stato dato il via libera da parte dei medici della FIA, causa una costola incrinata nell’incidente nel Gran Premio d’Australia. Si fionderà sulla McLaren MP4-31 dopo aver guidato quest’anno, a gennaio, nei test Pirelli al Paul Ricard la monoposto 2015. Campione in carica della GP2, il belga, 24 anni, oltre al ruolo di terzo pilota McLaren, ricoperto lo scorso anno e confermato nel 2016, si sarebbe dovuto “tenere in allenamento” guidando solo in Super Formula giapponese, con il team Docomo Dandelion Racing. L’opportunità che gli si presenta davanti è ghiotta: certamente il week end in Bahrain – che disputerà con il numero 47 sulla macchina –, forse la possibilità di correre anche in Cina, ma tutto dipenderà dalle condizioni fisiche di Fernando Alonso. Dimostrare quel di cui è capace, misurare le prestazioni con quelle di Button anzitutto, anche se potrebbe scontare la chiamata improvvisa, considerato che salirà in macchina poche ore dopo essere sceso dall’aereo che dal Giappone lo ha portato a Sakhir. Il palmares recente racconta di due stagioni ad altissimi livelli, ha dominato il campionato di GP2 lo scorso anno, conquistando 7 vittorie e 14 podi in 21 gare, al secondo anno con la scuderia ART Grand Prix. Per dare la misura della supremazia, Vandoorne ha chiuso il campionato con 341,5 punti contro i 181,5 di Alexander Rossi, giunto secondo. L’anno precedente, piazza d’onore con 4 vittorie e mondiale terminato con 229 punti contro i 276 di Jolyon Palmer (che ottenne anch’egli 4 successi). Prestazioni che lo hanno proiettato a metà del 2015 come naturale sostituto di Jenson Button in McLaren per questa stagione, ma la prosecuzione del rapporto tra il team e il pilota inglese ha obbligato Vandoorne a sedersi in panchina e prepararsi in ottica 2017, anche se lui ha tenuto finora il basso profilo e ha voluto sgomberare il campo dall’equazione 2017=sedile in Formula 1. In carriera ha maturato 30 vittorie in 129 partenze tra le varie categorie, con affermazioni anche in Formula Renault 3.5 (secondo nel campionato 2013) e Formula Renault 2.0 EuroCup, vinta nel 2012, prima ancora, un titolo belga nei kart da segnalare, era il 2008. Fabiano Polimeni