Dopo la bella prestazione di squadra mostrata in Canada con il 6° e il 7° posto finali, ovviamente ci sono molte aspettative su quanto possa fare la Renault sulla pista "di casa". Per questo, nelle consueta conferenza stampa con i piloti del giovedì, al Paul Ricard, le prime domande a Nico Hulkenberg vanno in questa direzione e sulla combattuta battaglia di centro schieramento.

«Sì, c'è battaglia, ed è piuttosto serrata di solito. Ci sono piccoli margini che possono fare grosse differenze, è importante azzeccare tutto, come sempre. Comunque mi sento bene, mi sento forte. Questo weekend è particolarmente importante per noi, ma l'approccio sarà come quello in tutte le altre gare: mantenere la calma, cercando di recuperare posizioni dal venerdì al sabato… Ma vogliamo concludere bene qui, avere un altro risultato forte come quello in Canada».

Quali progressi ha compiuto la Renault nelle ultime settimane, con la sua macchina, per arrivare a quel risultato? «Si ha questa impressione, se guardi ai risultati in Canada e quelli prima – risponde Hulkenbergperò credo sia stata più una questione di circostanze, perché il nostro passo gara è sempre stato piuttosto buono. Purtroppo per vari motivi abbiamo sempre avuto la nostra posizione di partenza compromessa, nelle gare precedenti, e dovendo partire dietro è sempre difficile dover superare le altre macchine di centro griglia, non è semplice neanche col DRS. La nostra macchina è sempre stata piuttosto competitiva, ma ci sono stati degli errori umani e altri problemi che si sono ripetuti nei primi weekend di gara, che ci sono costati un prezzo piuttosto salato. Per me Montreal è stato il primo weekend del tutto "pulito", senza errori, abbiamo fatto un lavoro solido e così abbiamo ottenuto una bella ricompensa».

Quindi dopo gli aggiornamenti alla macchina e visto il buon risultato in Canada, pensi che sarà possibile ottenere il primo podio per la Renault e per te qui in Francia? «Ne sarei felice, ma credo che siamo ancora abbastanza distanti da quel risultato. È vero che anche qui abbiamo portato degli aggiornamenti, però sono sicuro che anche gli altri team porteranno delle novità. Ma sono curioso ovviamente sul vantaggio che la nostra macchina troverà, speriamo di poter fare un progresso che ci avvicinerà ai primi tre team, e alla fine speriamo di poter dare loro filo da torcere, ad un certo punto in questa stagione. Però innanzitutto il nostro obbiettivo quest'anno è quello di diventare il 4° team: questo fa parte del nostro percorso, del processo che ci porterà all'anno prossimo», conclude Hulkenberg, facendo intendere che la squadra guarda molto avanti con i suoi programmi, e non solo al risultato del singolo GP.