Aston Martin controllata dalla FIA, Horner punta il dito

Aston Martin controllata dalla FIA, Horner punta il dito© Aston Martin

Red Bull si dice preoccupata del rispetto dei contenuti di proprietà intellettuale e fa affidamento alla FIA. Le verifiche su Aston Martin danno il via libera alla AMR22-B

20 maggio

Ci si sorprende ancora, come se il tema fosse di grande scalpore dove non abbia già dimostrato di essere l'ordinarietà della F1 in materia tecnica. Aston Martin si è presentata a Barcellona con una monoposto-B caratterizzata da soluzioni aerodinamiche delle pance ispirate da quanto prodotto in Red Bull sulla RB18 sin da inizio anno. 

Dall'essere stata ribattezzata copia rosa della Mercedes, nel 2020 - con allora una lunga diatriba regolamentare che si promise conclusa con "soddisfazione" di tutti i team, in materia di rapporti tra squadre clienti e progetti copia-incolla - il GP di Spagna vede Aston Martin definita copia verde di Red Bull.

Le verifiche FIA sugli sviluppi

Dal team di Milton Keynes ha ingaggiato, nel 2021, il responsabile dell'aerodinamica, Dan Fallows, operativo da quest'anno. È la figura sulla quale Christian Horner, velatamente, solleva interrogativi circa una possibile violazione della proprietà intellettuale.

Sul punto, la FIA ha comunicato d'aver condotto delle verifiche e aperto un'istruttoria sul rispetto delle norme del regolamento da parte di Aston Martin, giungendo alla conclusione che la progettazione del pacchetto di sviluppo sia da considerare regolare.

"Abbiamo condiviso con la squadra di tecnici della FIA i dettagli del nostro aggiornamento. Avendo esaminato i dati e i processi impiegati, la FIA ha confermato per iscritto che il nostro aggiornamento è la risultante di un legittimo lavoro indipendente, nel rispetto dei regolamenti tecnici", ha comunicato Aston Martin. 

Horner e le idee in testa ai tecnici in uscita

In casa Red Bull, invece, ha sollevato i problema Christian Horner, che alla BBC ha commentato: "Copiare è la più grande forma di appiattimento. È una cosa comune informare il tuo team di sviluppare una copia molto simile della nostra macchina, chiaramente ci sono un paio di persone che nel corso dell'inverno si sono spostate e quello che non puoi controllare è ciò che portano con sé in testa". 

Aston Martin, sin dai test in Bahrain, anticipava di avere in galleria del vento una monoposto completamente diversa da quella presentata e usata in inverno, oggi in pista nelle libere del GP di Spagna. 

"Sarebbe di profonda preoccupazione per noi avere qualsiasi contenuto di proprietà intellettuale passato di mano in qualsiasi modo. È qui che facciamo affidamento sulla FIA perché svolga il suo lavoro. Hanno accesso a tutto e faremo affideremo a loro per garantire che non siano riscontrati contenuti di proprietà intellettuale Red Bull su quella macchina", ha aggiunto Horner.

I risultati delle prove libere 1


  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi