Il secondo round dell'Adac GT Masters non ha avuto una bella partenza: di solito a Oschersleben il problema è alla prima curva, un vero e proprio "imbuto", invece stavolta è successo tutto ben prima. Cioè quando toccata dietro da una Porsche, l'Audi di Nicki Thiim (che partiva in seconda fila) ha toccato la Corvette di lato ed entrambi sono finiti di traverso a tagliare tutta la pista, causando il caos più completo (vedi filmato in basso). Delle sette vetture GT3 coinvolte - e danneggiate - direttamente, la peggio è andata proprio a Thiim che dopo aver urtato il muretto ha cappottato più volte. Comunque nessuno si è fatto male seriamente. La gara è stata subito interrotta ed è ripartita mezz'ora più tardi, con lunghezza ridotta a 48 minuti. Il poleman René Rast ha mantenuto il comando e la lotta per la seconda piazza ha visto prevalere Jaap van Lagen su Dominik Baumann, ma senza arrivare ad insidiare davvero il leader. Che al cambio pilota ha consegnato l'Audi R8 LMS Ultra al compagno 17enne Kelvin van der Linde. Il giovanissimo sudafricano ha "tenuto botta" resistendo benissimo alla pressione di Christian Engelhart (Porsche 911 GT3R) e Claudia Hurtgen (BMW Z4 GT3) finiti dietro nell'ordine, risultando così il più giovane vincitore della serie. Maurizio Voltini VanDerLinde_Oschersleben_AdacGT