Il Circus del WEC - sappiamo che il termine viene usato originariamente per la F1, ma visto che il Mondiale Endurance si sta dimostrando più divertente… - si è spostato in Giappone per il suo terzultimo appuntamento stagionale, quello con la 6 Ore del Fuji, proponendo anche diverse novità. All'annuncio del ritiro di Mark Webber a fine stagione, si è per esempio aggiunto quello del contratto televisivo che Eurosport ha concluso per trasmettere le gare del WEC (Le Mans compresa) per altri quattro anni.

Ma ci sono anche alcune novità interessanti per quanto riguarda i piloti in gara, con l'arrivo per esempio di Antonio Giovinazzi che correrà assieme a Giedo van der Garde e Sean Gelael sulla Ligier n.30 di Extreme Speed Motorsport. In LMP2, insomma, categoria agguerrita (11 partenti) dove si aggiungerà quindi all'altro italiano Maurizio Mediani, lui come sempre sulla BR01 n.27 di SMP Racing. Fra le altre novità è interessante il ritorno di Shinji Nakano e di Will Stevens, come l'arrivo di Alex Lynn, ma tornando a parlare di italiani è meglio ricordare come Gimmi Bruni (assieme a James Calado) e soprattutto Davide Rigon (con Sam Bird) siano sempre in lotta per la classifica GT alla guida delle loro Ferrari n.71 e n.51 contro i driver dell'Aston Martin, come Sorensen e Thiim per ora in testa.

Per quanto riguarda la sfida al vertice, dunque fra i Prototipi di classe LMP1, nelle prime prove libere si è messa in evidenza la Porsche n.1 di Bernhard-Webber-Hartley davanti all'Audi n.8 di DiGrassi-Duval-Jarvis dopo che la Porsche n.2 aveva avuto un problema tecnico nella prima sessione e che Lotterer è andato contro le barriere con l'Audi n.7 nella seconda. Al momento segnaliamo comunque che sabato mattina, per la precisione alle ore 7 italiane, avremo le qualifiche: prima mezz'ora per le GT e poi un'altra mezz'ora per i Prototipi. Invece la gara sarà dalle ore 4 alle 10 (sempre orari italiani) e sarà teletrasmessa da Eurosport 1 dalle ore 8,30 fino alla conclusione.