Ferrari fa la storia, prima vittoria nella 24 Ore del Nurburgring

Ferrari fa la storia, prima vittoria nella 24 Ore del Nurburgring© Ferrari/Gruppe C Photography

Il team Frikadelli Racing ha trionfato con la 296 GT3 davanti a BMW e Mercedes. Dopo oltre 20 anni torna alla vittoria una vettura non tedesca. Il progetto 296 GT3 vince la sua prima 24 Ore 

22 maggio

Pittard-Laser-Catsburg-Bamber, su Ferrari 296 GT3 del team Frikadelli, aggiungono un altro tassello importante, un risultato di assoluto prestigio, nel 2023 della Rossa sul fronte endurance.

Primo successo alla 24 Ore del Nurburgring per una Ferrari, che si aggiunge a una manciata di altre case non tedesche ad aver vinto la gara sulla Nordschleife (più l'anello del circuito GP) dal 1970. Gli ultimi a esserci riusciti erano stati Zakowski-Lechner-Lamy su Dodge Viper GTS-R nel 2002, per il team Zakspeed.

Piero Ferrari, la Rossa e casa Imola

Il nuovissimo progetto sviluppato a Maranello e curato da Oreca mette a segno la prima vittoria in una 24 Ore nella stagione d'esordio. La 296 GT3 ha concluso per 26"9 davanti alla BMW M4 GT3 di Rowe Racing, con Wittmann-Van Der Linde-Vanthoor-Martin e, a completare il podio, la Mercedes-AMG GT3 del team Mercedes Bilstein, a 1'17" con l'equipaggio Marciello-Stolz-Ellis.

La costruzione "in blocchi" cruciale per riparazioni rapide

Una corsa nelle prime posizioni sin dal via, quando la Ferrari 296 GT3 #30 è scattata dalla quarta posizione e, al quinto giro, ha preso la testa della gara al pit-stop.  

Un controllo della corsa, condotta fino al termine della quinta ora, che ha registrato un momento di tensione quando, per una foratura nelle fasi iniziali di gara, la 296 GT3 ha riportato alcuni danni alla carrozzeria e all’estrattore posteriore. 

L'intervento dei tecnici, sfruttando le caratteristiche costruttive della vettura, ha permesso di restare all’interno della finestra temporale del pit-stop per cambio gomme e rifornimento.

“Quella ottenuta dalla 296 GT3 alla 24 Ore del Nürburgring è una vittoria storica, inseguita a lungo e che ci rende estremamente felici ed orgogliosi", ha commentato Antonello Coletta. 

"Essere riusciti ad interrompere un’egemonia dei costruttori tedeschi che in questa gara durava da molti anni, in quello che è uno scenario competitivo di primissimo livello, è un’impresa davvero incredibile. Imporsi su questo che è riconosciuto come il tracciato più difficile del mondo, sicuramente tra i più completi ed impegnativi, ottenendo due vittorie e portando tutte e tre le vetture al traguardo dimostra come il progetto 296 GT3 sia solido e che, con un Balance of Performance non penalizzante, le prestazioni sono all’altezza delle aspettative".

Rinaldi Racing vince la Classe Pro Am

Se la Ferrari del team Frikadelli ha centrato il successo al Nurburgring, quella del team WTM by Rinaldi Racing ha chiuso al settimo posto assoluto, vincendo la Classe SP9 Pro Am, con Weiss-Krumbach-Keilwitz-Dontje. 

"Abbiamo investito idee, innovazioni, soluzioni e uno sforzo ingegneristico senza pari su questa vettura, anche per permettere alle squadre rapidità di intervento in situazioni limite, come la gara di oggi ha evidenziato nel momento della foratura sulla vettura di testa", prosegue Coletta. "Vorrei fare i complimenti a Frikadelli Racing, che per anni ha inseguito questa vittoria e che oggi può festeggiare con merito un successo storico, così come a Rinaldi Racing, un team con una lunga militanza con Ferrari, per essersi imposto nella classe Pro Am regalandoci un weekend davvero memorabile”.


  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi