Outsider a metà per la vittoria della quinta tappa alla Dakar: infatti alla fine dei 697 km che saparano Copiapo da Antofagasta (458 dei quali cronometrati) ha svettato Vladimir Vasilyev. Insieme al connazionale Konstantin Zhiltsov, il russo ha condotto alla vittoria la sua Mini, contribuendo così a confermare la sfilza di successi di questa marca nell’attuale edizione del raid. Vasilyev ha condotto per gran parte dello stage, ma questo non significa che la vittoria sia stata facile: infatti ha sempre avuto Yazeed Alrajhi vicinissimo, tanto che il saudita ha concluso la tappa 2° a soli 20 secondi. A completare il podio di giornata è arrivato 3° lo statunitense Robby Gordon, che staccato di circa 1 minuto e mezzo ha preceduto Nasser Al-Attiyah per 2 minuti. Del resto il qataro ha pensato più che altro a controllare la sua posizione al vertice della classifica assoluta dai possibili attacchi di Giniel De Villiers, che oggi ha forato ed è così giunto 6° alle spalle di Stephane Peterhansel, sempre più a suo agio con la Peugeot pur se ha lamentato un set-up non adatto delle sospensioni. Sempre meglio però di quanto successo a Carlos Sainz, che si è cappottato. Così in classifica generale si conferma appunto Al-Attiyah con la Mini davanti per una decina di minuti alla Toyota di De Villiers, mentre Alrajhi è 3° staccato di un’altra decina di minuti. La sesta tappa che domani, venerdì 9, porterà i concorrenti da Antofagasta a Iquique è lunga 647 km, dei quali però solo 255 sono di vera prova speciale. Un percorso che affianca la costa del Pacifico salendo verso Nord e che alternerà spiagge e dune a montagne con crinali sul mare. E al centro di Iquique si allestirà un podio di metà gara, anche per venire incontro agli appassionati della zona. Questo vale soprattutto per i motociclisti, che sabato potranno riposarsi a differenza dei piloti di auto e camion. Maurizio Voltini

La classifica della quinta tappa:

ClassificaTappa5

La classifica generale:

ClassificaGenerale5

Il percorso della quinta tappa

CARTE5