Parte domani il Rally Safari, e le notizie che arrivano dal Kenya sono tutte molto positive, c’è molto entusiasmo ed oggi a Nairobi sono tutti convinti che la gara si farà bene come non mai. Le aspettative sono dunque altissime in questo Safari Rally Kenya 2021 che prevede 18 prove speciali per un totale di ben 320,19 km cronometrati, tutti ospitati per volere della FIA interamente in tenute private.

Ogier il migliore nello shakedown

Nello shakedown disputato questa mattina a Loldia (5,40 km) il più veloce è stato il leader del mondiale Sébastien Ogier (Toyota) che con il tempo di 3’42”6 ha preceduto di un decimo il compagno di squadra Elfyn Evans e di 1”1 Thierry Neuville (Hyundai) seguito dal coéquipier Dani Sordo a 1”9.

Le prove speciali in programma

Domani si terrà la super speciale d’apertura a Kasarani (4,84 km) alle 14.08 locali (le 13.08 in Italia), ed a seguire ci sarà la prima tappa in programma venerdì giugno composta da 6 speciali per complessivi 129,78 km cronometrati. Si tratta di tre crono ripetuti due volte, due dei quali ospitati in una tenuta privata quelli di Chui Lodge (13,34 km) e Oserian (18,87 km), mentre il crono lungo 32,68 di Kedong si svolgerà in un’altra tenuta privata e ospiterà in un tratto di speciale il tracciato del vecchio Safari.

La seconda tappa di sabato 26 ha in programma altri 132,08 km cronometrati suddivisi in 6 prove speciali, vale a dire i crono di Elmenteita (14,67 km), Soysambu (20,33 km) e Sleeping Warrior (31,04 km) ripetuti due volte, tutti ospitati vicino al lago di Elementatita nelle tenute di Lord Delamaire, il padre fondatore del Kenya la cui famiglia era notoriamente molto amica dei Mc Rae, in particolare del compianto Colin. Infine domenica 27 la tappa finale sarà ricavata nella parte nord del lago e composta da 5 crono e da 53,49 km cronometrati. Le speciali saranno quella di Malewa (9,71 km) e poi quelle ripetute due volte di Loldia (11,33 km) e Hells Gate (10,56 km), che ospiterà alle ore 13.18 locali la power stage finale, tutta ricavata all’interno di un grande parco naturale del Kenya. Un percorso dunque ben assortito, che dovrebbe garantire lo spettacolo offerto in passato dalla classicissima gara africana.

Gli iscritti al via

In totale sono 58 gli equipaggi iscritti alla maratona africana, dei quali ben 40 sono provenienti dal continente nero, soprattutto dal Kenya. Sono iscritte 10 o 11 Wrc Plus, in pratica tutti gli habitué del mondiale visti all’opera in Sardegna eccetto Loubet che verrà sostituito dal rientrante Oliver Solberg, con Fourmaux che sarà di nuovo in gara sulla Fiesta Wrc con Suninen dirottato nel Wrc 2. Ci sarà poi il ritorno iridato dopo l’Arctic del nostro Lorenzo Bertelli navigato da Simone Scattolin al volante della sua Ford Fiesta Wrc Plus numero 37.

Il record

La curiosità di questo Rally Safari 2021 è che sarà al via anche il 91enne (!) pilota polacco Sobieslaw Zasada, che su una Ford Fiesta Rally3 della MSport Poland tornerà così a correre in Kenya, una gara in cui è stato grande protagonista in passato, nel 1997 in cui era terminato 12° assoluto su una Mitsubishi Lancer navigato dalla moglie Ewa. Zasada è stato campione europeo nel 1966, ’67, e ’71 e nel 1972 ha chiuso secondo assoluto al Safari dietro Hannu Mikkola, al volante di una Porsche 911S.