Max il Terribile colpisce ancora. Infatti, ancora una volta, il giovane talento olandese è stato uno dei protagonisti indiscussi della domenica di Formula 1. Dopo il 5° posto in Ungheria Verstappen torna a calcare il podio anche se stavolta sale sul gradino più basso. Ma teniamo sempre a mente la sua età: a 18 anni è al quarto podio stagionale, con una vittoria, ottenuto tenendosi dietro Rosberg e le due Ferrari. E se la settimana scorsa aveva mandato in crisi Raikkonen oggi i suoi strali si sono abbattuti su Rosberg, cui sono stati anche comminati 5 secondi di penalità per essersi allargato troppo in staccata, rimarcando, da primo della classe, il fatto via radio “Mi ha buttato fuori!”.  

Un altro gran risultato, soprattutto se sommato al secondo posto di Ricciardo, fatto passare da Verstappen in difficoltà con le gomme nella seconda metà di gara, che garantisce al team il sorpasso di Ferrari nella classifica costruttori: “Ho fatto una bella partenza – ha commentato Max nella conferenza post-gara - e poi sono riuscito a tenere un buon ritmo. Stava andando tutto bene ma poi abbiamo scelto due strategie diverse (gomme gialle per lui, rosse per Ricciardo, Ndr) e ho lasciato andare Daniel, lavorando molto bene come team. Ottenere un doppio podio era il principale obiettivo e riuscire a sorpassare Ferrari è stato il miglior risultato

Rosberg dopo la gara ha lasciato intendere di non aver meritato la penalizzazione ma l’olandese è di opinione diversa: Ha frenato troppo tardi e a quel punto pensavo mi stesse per venire addosso, così ho dovuto aprire ma lui non curvava, continuava ad andare dritto quindi sono dovuto andare fuori pista altrimenti ci saremmo scontrati. Gli avversari sono avvisati