Per Pirelli è già tempo di annunciare le mescole che saranno disponibili per l’ultimo GP stagionale, ad Abu Dhabi. La scelta ricade sul prodotto più morbido in assoluto della gamma 2019, la C5, affiancata dalle mescole C4 e C3. Nessuna sorpresa, su un circuito dall’asfalto molto liscio, a basso stress per le coperture e ridotti livelli di grip.

Tutt’altre condizioni troveranno le squadre a Spa-Francorchamps, tra una settimana, alla ripresa dell’attività in pista. Per il GP del Belgio Pirelli ha selezionato le mescole medio-dure, proponendo la C1, C2 e C3 ai team.

I SET DISPONIBILI IN BELGIO

Lo stress sugli pneumatici sarà su valori massimi, con la compressione dell’Eau Rouge e la piega del Raidillon i punti più impegnativi, dove le gomme sono soggette ad altissime forze verticali e laterali, quest'ultime replicate a Pouhon. La velocità in curva delle monoposto e il carico aerodinamico che sono in grado di sviluppare innalzano l’impegno sulla gomma, su un asfalto mediamente abrasivo.

Leggi anche: Horner, mondiale Mercedes se non mandano tutto per aria

Un anno fa Pirelli portò le gomme medie, morbide e supermorbide; per il GP del Belgio 2019 i team hanno snobbato la gomma dura C1 e nella stragrande maggioranza puntato quasi sul massimo numero di gomme morbide C3 ammesso.

L’eccezione è rappresentata da Mercedes, che avrà a disposizione 8 treni di gomme morbide, contro i 10 di Ferrari, Red Bull, oltre a Renault e Haas.