Meglio delle Ferrari, a un passo dalle Mercedes. Il venerdì di Suzuka, a Red Bull, lascia spiragli di ottimismo. Il terzo tempo di Max Verstappen arriva in un turno di prove libere che ha visto i piloti più soddisfatti del comportamento della monoposto rispetto al mattino.

In teoria, varrebbe la seconda fila l’1’28”066 ottenuto da Max. Nella pratica, gli sviluppi meteo indicano un programma compresso alla domenica mattina che porterà di nuovo in pista le monoposto per giocarsi una vera qualifica. E sarà allora che andranno tirate le conclusioni, quanto potrà migliorare la Ferrari rispetto alle due sessioni d’apertura e quanto troverà ancora Red Bull.

Leggi anche: GP Giappone, analisi prove: Mercedes a un passo dal campionato

“Il primo turno di prove libere non è andato così bene, nel secondo le cose sono migliorate e siamo riusciti a progredire notevolmente.

Sembrerebbe promettere bene, sebbene la Mercedes sia molto veloce su questa pista e non è una novità”, commenta Verstappen, a caldo.

“Abbiamo ancora del lavoro da fare, fortunatamente c’è stato un bel miglioramento rispetto al mattino. Adesso vedremo dove potremo migliorare ulteriormente, ci resta una giornata in più per farlo”.

Un bilancio positivo per i motorizzati Honda che include la prestazione della Toro Rosso, con Gasly 9° e in partita per le posizioni alte di metà schieramento.

UNA SPINTA IN PIÙ DA ESSO

Red Bull con una nuova specifica di carburante Esso, sulla quale Verstappen ha commentato: Sembra esserci un buon miglioramento in termini di potenza, è positivo. Oggi è solo venerdì, non puoi dire davvero dove si trovano gli altri, però abbiamo spinto un po’ di più nel caso in cui la qualifica non dovesse svolgersi domenica e questi tempi segnano le nostre posizioni in griglia”.

La revisione del programma del week end non lo interessa particolarmente, già da giovedì ad anticipare il suo, di programma, al sabato: console, FIFA e relax da gamer.

Leggi anche: GP Giappone, il nuovo programma delle qualifiche

“La cancellazione dell’attività al sabato è un giorno di stacco, riprenderemo domenica mattina, non è qualcosa che mi interessa affatto. Non è la fine del mondo, sposti le qualifiche e salti le terze libere, non mi importa sul serio”, ribadisce.

ALBON TROVA SUBITO IL RITMO

Avrebbe preferito un’attività normale, con le libere 3 al loro posto, Alexander Albon. Suzuka inedita per il pilota tailandese, pista sulla quale avvicinare il limite ripaga in termini di tempo sul giro. Bene l’inizio nelle libere, un proposito – trovare più in fretta il ritmo buono, a inizio week end – che si era posto dopo Sochi.

Sesto tempo, 6 decimi da Bottas e poco più di 3 da Max. “Sì, non è andata troppo male, mi sento molto più a mio agio rispetto a Sochi, c’è ancora del lavoro da fare e il passo sta migliorando.

E’ stato un buon venerdì, peccato non poter guidare sabato, vedremo domenica. Non sarà semplice fare qualifiche e gara nella stessa giornata, se dovesse piovere sarà ancora più difficile, anche perché questa pista mi è sembrata insidiosa con la pioggia.

Sul bilanciamento perfetto non siamo troppo lontani, in curva siamo abbastanza lì, dobbiamo ottimizzare alcune cose per trovare un paio di decimi”.