Continuerà a essere “alimentato” da ExxonMobil il V6 Honda su Red Bull. Il team di Milton Keynes ha annunciato il prolungamento della partnership avviata nel 2017, si tratta di un accordo ancora pluriennale.

Carburante e lubrificanti dai quali l’evoluzione nell’arco di un campionato può produrre miglioramenti cronometrici non trascurabili, per l’incremento delle prestazioni derivanti da maggiore potenza estratta dal motore termico e il miglioramento dell’efficienza con la riduzione dei consumi.

Una benzina non vale l'altra

Basti ricordare, proprio in Red Bull, al tempo della motorizzazione Renault, i diversi livelli di potenza ottenibili dalla mappatura di qualifica in virtù del differente fornitore di carburante tra team ufficiale (Castrol) e cliente.

Ferrari 2020: le ipotesi su come sarà

“Nelle ultime tre stagioni, il lavoro portato avanti da ExxonMobil, in stretta collaborazione con i nostri ingegneri e il motorista, ha prodotto risultati molto positivi. Ogni nuovo sviluppo della benzina e dei lubrificanti ha apportato prestazioni che hanno innegabilmente aiutato la nostra corsa verso gli obiettivi che ci poniamo di raggiungere in pista, non vediamo l’ora di assistere a ulteriori progressi nell’arco dell’ampliamento della collaborazione”, le parole di Christian Horner.