Con Silverstone ha un rapporto speciale, non solo perché Gran Premio di casa e gara di conquiste sportive. Lewis Hamilton ha sempre stretto un legame particolare con i tifosi nel week end di gara, tra una birra in compagnia di chi è al di là delle reti di protezione e uno stage-diving da rockstar. Sarà diverso domenica prossima e quella successiva. Silverstone a porte chiuse, unica strada percorribile per ospitare il GP in sicurezza.

Sterzi a parte: Dichiarazione d'amore infinito a Imola

E i controlli saranno particolarmente attenti per assicurarsi che il pubblico non si assiepi intorno al circuito. Tutto un altro clima rispetto al bagno di pubblico solito, GP di Gran Bretagna il più partecipato dell’intero campionato, con ben più di 300 mila presenze nell’arco del week end negli ultimi anni.

Diversa come il giorno con la notte

“Sono grato che siamo tornati tutti al lavoro e siamo così fortunati, tutti qui, ad avere i nostri lavori e poter gareggiare nuovamente. Però, l’atmosfera per me sarà assolutamente diversa, come il giorno con la notte. Non c’è nulla come quella di Silverstone. Dell’intero anno è il mio momento clou, il sostegno che c’è è semplicemente folle. Aumenta di anno in anno e riesco a interagire con i tifosi in modo diverso, è un tale onore e privilegio poter ottenere buone prestazioni e vincere il GP del tuo paese.

GP Gran Bretagna, gli orari del week end in tv

Essere là fuori ti dà sensazioni fantastiche ma davvero mi manca l’energia che portano i tifosi. Di certo a Silverstone non mi sono rimasti molti anni e sarà uno nel quale mi mancheranno tutti i tifosi. Voglio però che stiano al sicuro, siamo in tempi nei quali la sicurezza è tutto”, ha commentato Lewis a Sky Sports, senza tralasciare un messaggio da “Pubblicità Progresso”: “Come sempre voglio inviare messaggi positivi ai miei tifosi e incoraggiare davvero la gente.

Vedo così tanti che non considerano il Covid seriamente come fanno altri, voglio esortare a farlo. Penso che come sport stiamo facendo davvero ottime cose, utilizzando tutti una mascherina. Di certo possiamo fare di più, ci sono un po’ troppi rifiuti con tutte queste mascherine riutilizzabili ma è fantastico vedere come tutti adottano le precauzioni, mantengono le distanze: dobbiamo stimolare tutto il resto del mondo a fare lo stesso”.