“Non avevo particolari aspettative su questa pista. L'importante era fare due sessioni pulite e fare il nostro lavoro con la macchina”.

Il commento di Kimi Raikkonen alla fine dei due turni d libere del GP di Sakhir, non poteva essere più eloquente.

Il velocissimo anello esterno esalta ancora di più le doti motoristiche delle monoposto, non la caratteristica principale delle C39 motorizzate Ferrari. Ma dove non arrivano i cavalli, compensa il lavoro di affinamento sull’assetto, che ha permesso ad Iceman di far registrare il dodicesimo tempo: il risultato migliore per una vettura spinta dalle P.U. del Cavallino nel venerdì di prove libere.

Se Verstappen non ha gradito particolarmente la pista, Kimi non si è lasciato impressionare: “La pista in sé è relativamente semplice, ha solo due grandi curve sebbene sia un po’ sconnessa”.

Su un tracciato così corto, ogni millesimo conta: le Alfa sono a pochi decimi dalla top ten e con il programma di lavoro svolto senza intoppi, c’è la sensazione di poter migliorare.

“Il nostro approccio al weekend non è cambiato - ha concluso Raikkonen - Ci prepareremo per le qualifiche di domani nel solito modo: speriamo di poter fare un altro passo avanti questa sera ed essere competitivi nel pomeriggio".